Le autorità della Catalogna invitano i cittadini a rimanere in casa

·1 minuto per la lettura
coronavirus, 70 focolai in spagna, mascherine in spiaggia in andalusia
coronavirus, 70 focolai in spagna, mascherine in spiaggia in andalusia

Il repentino aumento dei casi di coronavirus in Catalogna e in particolare a Barcellona ha spinto le autorità ad adottare nuove misure restrittive e ad invitare i cittadini a rimanere a casa ed ridurre il più possibile gli spostamenti.

Coronavirus: aumento dei casi a Barcellona

L’indicazione che ha fornito la Generalitat de Catalunya, vale a dire il governo della regione, è quella di
evitare le riunioni sociali, le uscite notturne e le attività culturali“. Sarà inoltre proibito fare assembramenti con più di 10 persone sia in pubblico che in privato e subiranno un blocco le attività di teatri e cinema. Nei bar e nei ristoranti la capienza subirà poi una riduzione del 50%.

Le disposizioni sono valide per i quasi cinque milioni di abitanti dell’area metropolitana di Barcellona ed per altri 12 comuni limitrofi. Questi sono L’Hospitalet, Viladecans, El Prat de Llobregat, Cornellà, Sant Boi de Llobregat. Esplugues de Llobregat, Montcada i Reixac, Badalona, Sant Joan Despí, Sant Just Desvern, Santa Coloma de Gramenet e Sant Adrià del Besòs.

Il governo ha per il momento fatto soltanto una raccomandazione e un’esortazione più che una vera e propria restrizione come accaduto nel pieno della pandemia. Puntando sul senso di responsabilità dei cittadini, ha comunque fatto capire che se il virus continuerà a circolare in maniera massiccia sarà costretto a prendere misure più severe. Stando ai dati aggiornati al 16 luglio, la Spagna conta 305.935 casi positivi e 28.416 decessi. .