Le bufale più strane sul coronavirus e la loro smentita.

·1 minuto per la lettura
ministero fake news covid
ministero fake news covid

Il covid ha fatto capire quanto pericoloso posso essere il fenomeno delle fake news, capaci di orientare intere masse di persone verso delle riflessioni e decisioni totalmente prive di fondamento scientifico. Di fake news sul covid ne sono circolate tante in questi mesi e altrettante, purtroppo, continuano a girare. Sul sito del ministero della Salute ci sono una lunga serie di risposte alle bufale sul virus, alcune delle quali sono estremamente esilaranti.

Il ministero sulle fake news del covid

Il covid si trasmette attraverso le mosche. Questa una teoria assolutamente priva di prove scientifiche che ha però preso a circolare sul web, tanto che il ministero nella sezione del proprio sito dedicata a combattere il fenomeno delle bufale ha specifico: “Ad oggi non ci sono evidenze scientifiche che indichino che le mosche possano diffondere il nuovo coronavirus. Il virus – aggiungono – si diffonde principalmente attraverso le goccioline che si generano quando una persona parla, tossisce o starnutisce (droplets). Ci si può infettare anche toccando prima superfici contaminate e poi toccandosi occhi, naso e bocca senza lavarsi le mani”.

Covid e fake news, le risposte del ministero

Oltre ai modi per contagiarsi, il mondo delle fake news è arrivato anche alle possibili prevenzioni da adottare contro il virus. Una di queste, in particolare, prevede che per non prendere il covid ci si debba spalmare della vasellina sul naso o, andando ancora di più nell’assurdo, sia necessario bere tanti alcolici per proteggersi.

Il ministero risponde alle fake news sul covid

Il ministero risponde anche a questo dicendo: “Il consumo frequente di alcol o superalcolici non protegge dall’infezione da nuovo coronavirus. L’abuso di alcol è pericoloso per la salute, espone, infatti, al rischio di sviluppare malattie serie, tra cui cirrosi epatica e tumori. Per prevenire il contagio bisogna indossare la mascherina, rispettare le misure di distanziamento interpersonale di almeno 1 metro e lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone o soluzione a base di alcol per almeno 40- 60 secondi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli