Le condizioni della piccola

·2 minuto per la lettura
Neonata
Neonata

La bimba di 5 mesi soffocata con un sacchetto di plastica, trasferita da Sassari al Gaslini di Genova, forse è stata vittima di un gioco del fratello. L’incidente è accaduto in un campo nomadi di Piandanna lo scorso 6 giugno.

Bimba soffocata con sacchetto di plastica: non è ancora uscita dal coma

La bambina di 5 mesi ricoverata all’Ospedale Gaslini di Genova dal 6 giugno non è ancora uscita dal coma. Ha rischiato di restare soffocata nel suo lettino da un sacchetto di plastica, nel campo nomadi di Piandanna, nella periferia di Sassari. La piccola ha rischiato la sua vita a causa di una busta di plastica che le ha circondato la testa fino a provocarne il soffocamento. Secondo la prima ricostruzione, la mamma si era allontanata pochi minuti dalla piccola, che dormiva nel suo lettino, per fare delle faccende domestiche. Quando è tornata ha trovato la neonata incosciente, con un sacchetto sulla testa, e ha subito chiamato i soccorsi. L’ipotesi è che possa essersi trattato del gioco di un fratello.

Bimba soffocata con sacchetto di plastica: forse un gioco del fratellino

Secondo gli investigatori della Procura di Sassari, la cui inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Paolo Piras, potrebbe essersi trattato di un incidente domestico. L’ipotesi è che sia stato il fratellino della bimba, mentre giocava con lei, a metterle in testa il sacchetto di plastica. Il giorno dopo l’incidente la neonata è stata trasportata all’ospedale Gaslini con un volo speciale dell’Aeronautica militare, attivato dalla procura di Sassari. Dall’ospedale è arrivata la conferma che le condizioni della piccola sono stabili. Per il momento è sempre in coma e il suo quadro clinico non dà segni di miglioramento da due settimane.

Bimba soffocata: richiesta di togliere responsabilità genitoriale

Questa terribile vicenda potrebbe avere anche un risvolto giudiziario. Il presidente del Tribunale dei minorenni di Sasssari, Guido Vecchione, dovrà decidere se accogliere la richiesta di sospensione della responsabilità genitoriale al padre e alla madre della piccola. La richiesta è stata avanzata dalla procuratrice minorile Luisella Fenu. La piccola inizialmente è stata portata nel reparto rianimazione dell’Ospedale Santissima Annunziata di Sassari, ma il giorno seguente è stato necessario il trasferimento al Gaslini di Genova. Da due settimane non dà segni di miglioramento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli