Le conseguenze del coronavirus sui rapporti tra Trump e Xi

Donald Trump, ha avuto un colloquio telefonico con l'omologo cinese, Xi Jinping, dicendosi "fiducioso" nella capacità della Cina di affrontare la nuova epidemia di coronavirus. Lo ha riferito la Casa Bianca. Trump "ha espresso fiducia nella forza e nella resilienza della Cina nell'affrontare la sfida del nuovo coronavirus", si legge in una nota. "I due leader hanno concordato di proseguire con un'ampia comunicazione e cooperazione tra le due parti" e hanno anche discusso "del grande risultato del recente accordo commerciale di Fase 1 tra Stati Uniti e Cina e ribadito il loro impegno per la sua attuazione". La telefonata fa seguito all'irritazione con cui la Cina aveva chiesto agli Stati Uniti calma nelle valutazioni sull'epidemia di coronavirus e una risposta "ragionevole". Xi ha invitato Cina e Stati Uniti ad aumentare la comunicazione e il coordinamento contro l'epidemia.

La Cina non si è risparmiata nel contrasto all'epidemia di coronavirus che sta colpendo il Paese e sta gradualmente ottenendo risultati ha aggiunto Xi. "La Cina e' pienamente fiduciosa e in grado di sconfiggere l'epidemia", ha detto Xi, e "la tendenza a lungo termine dello sviluppo economico della Cina non cambierà".