Le dichiarazioni della presidente della Commissione Europea

Von der Leyen
Von der Leyen

Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione Europea, ha annunciato nuove sanzioni contro la Russia. L’Europa sta stringendo sul sesto pacchetto contro Putin.

Von Der Leyen: “Stop al petrolio russo, Putin deve pagare”

L’Unione Europea è pronta per il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, per la guerra in Ucraina. A presentare la proposta della Commissione su un embargo al petrolio da completare tra i sei e gli 8 mesi è stata la presidente Ursula Von der Leyen. “Putin deve pagare un alto prezzo per questa sua aggressione brutale, il futuro dell’Unione Europea è scritto anche in Ucraina” ha dichiarato. I punti principali sono le sanzioni e la ricostruzione. La presidente ha annunciato il divieto delle trasmissioni di emittenti televisive russe in Europa, l’esclusione dallo Swift della Sberbank e lo stop ai servizi di consulenza a Mosca. “Il Cremlino si affida a contabili, consulenti e spin-doctor dall’Europa. E questo ora si fermerà. Stiamo vietando la fornitura di questi servizi alle società russe” ha dichiarato. Von der Leyen ha confermato la sanzione più attesa, lo stop al petrolio. “Proponiamo un divieto del petrolio russo, un divieto totale d’importazione di tutto il petrolio russo, via mare e via oleodotto, greggio e raffinato. Ci assicureremo di eliminare gradualmente il petrolio in modo ordinato, in modo da permettere a noi e ai nostri partner di assicurare vie di approvvigionamento alternative e di ridurre al minimo l’impatto sui mercati globali. Questo è il motivo per cui elimineremo gradualmente il greggio russo entro sei mesi e i prodotti raffinati entro la fine dell’anno” ha spiegato.

Von der Leyen: “Vogliamo la vittoria di Kiev”

Vogliamo la vittoria di Kiev” ha spiegato Von der Leyen, che poi ha parlato della ricostruzione. “Il Pil dell’Ucraina dovrebbe scendere dal 30% al 50% solo quest’anno. E il Fondo monetario internazionale stima che da maggio in poi l’Ucraina avrà bisogno di 5 miliardi di euro al mese per mantenere il Paese in funzione, pagare pensioni, stipendi e servizi di base” ha spiegato. “Dobbiamo sostenerli, ma non possiamo farcela da soli. Accolgo con favore che gli Stati Uniti abbiano annunciato un massiccio sostegno di bilancio. E anche noi, come Team Europe, faremo la nostra parte” ha aggiunto la presidente. “L’Europa ha una responsabilità molto speciale nei confronti dell’Ucraina: con il nostro supporto, gli ucraini possono ricostruire il loro Paese per la prossima generazione. Questo porterà la stabilità e la certezza necessarie per rendere l’Ucraina una destinazione attraente per gli investimenti diretti esteri, e aprirà la strada al futuro dell’Ucraina all’interno dell’Unione europea” ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli