Le dichiarazioni di Massimo Galli

·1 minuto per la lettura
Massimo Galli
Massimo Galli

Massimo Galli ha lanciato l’allarme sulla variante Omicron. Ha consigliato di stare molto attenti durante il Natale e ha parlato di obbligo vaccinale.

Omicron, Galli: “A Natale bisogna stare maledettamente attenti”

Massimo Galli, già primario del reparto di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ha commentato la situazione Covid in Italia alla vigilia delle feste e della cabina di regia, prevista giovedì 23 dicembre, su Fanpage.it. “A Natale? Bisogna stare maledettamente attenti, la variante Omicron crea seri problemi. Valutare poi obbligo vaccinale per tutti, anche per gli studenti: il vaccino è un ombrello con i buchi, ma è l’unico ombrello che abbiamo” ha dichiarato Galli. Tra le ipotesi del governo c’è la riduzione della validità del Green pass a 5 o 7 mesi e l’obbligo di tampone anche ai vaccinati per partecipare agli eventi.

Omicron, Galli: “Questa variante ci sta facendo preoccupare”

Non so quanto la questione dei tamponi obbligatori anche per i vaccinati possa essere praticata ed accettata, tenendo conto che la gente non ne può più di questa situazione. C’è il rischio che molti comincino a chiedersi a cosa serva questo vaccino. Credo che sia più corretto ridare delle limitazioni numeriche ai non vaccinati e lasciare l’accesso a determinati luoghi e attività ai soli vaccinati. Ma la soluzione non ce l’ho in sacca. È un problema serio perché questa variante ci sta ponendo problemi seri che non sarà facile risolvere. Ci sta facendo abbastanza preoccupare” ha dichiarato Massimo Galli, aggiungendo che i non vaccinati hanno più possibilità di infettarsi, anche se la variante Omicron crea diversi problemi anche ai vaccinati. Il medico ha spiegato che durante le feste bisogna essere molto prudenti, anzi “maledettamente attenti“.

Omicron, Galli: “O si prolunga la chiusura delle scuole o si prenderà in considerazione l’obbligo vaccinale”

Il periodo natalizio ci consentirà di avere una pausa che permetterà di avere meno problemi a gennaio. La chiusura delle scuole, fisiologica durante le vacanze di Natale, aiuterà a evitare i danni. Dopodiché, o si prolunga questa chiusura se i contagi dovessero essere alti e se si mettesse male o veramente è arrivato il momento di considerare senza se e senza ma un obbligo vaccinale che metta le cose a posto. La vaccinazione è un ombrello con molti buchi ma è l’unico ombrello che abbiamo. Io parlo di obbligo per tutti, studenti inclusi. È chiaro che si tratta di problematica che deve essere estesa a tutta la popolazione. Visto che però non ci sarà tempo e modo di avere questo risultato in tempi brevi, credo che possa esserci il ritorno alla Dad anche solo per un breve periodo, non è una cosa peregrina” ha dichiarato Massimo Galli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli