Le donne denunciano solo i molestatori brutti. Parola del presidente dell'Ecuador

I giudizi sulle donne che denunciano molestie sessuali "solo se commesse da uomini brutti" sono costate caro al presidente dell'Ecuador Lenin Moreno, poi costretto a scusarsi pubblicamente. "Le donne spesso denunciano molestie, è vero, ed è bene che lo facciano. Ma è molestia quando proviene da una persona brutta. Ma se la persona ha un bell'aspetto di solito non pensano che sia una molestia" ha detto il capo di Stato ecuadoregno, riferisce la Bbc, nel corso di una recente conferenza di investitori a Guayaquil.

Di fronte ad un pubblico prevalentemente maschile Moreno ha pensato bene di rincarare la dose, aggiungendo che gli uomini sono "permanentemente soggetti al pericolo di essere accusati di molestie". Il suo discorso rilanciato dai media e sui social ha scatenato una bufera, ricevendo accuse di "misoginia" e di mancata tutela delle donne da parte del governo di Quito. "Siamo governati da un misogino" hanno commentato diversi utenti su Twitter e Facebook. Altri hanno denunciato un taglio di 876.000 dollari al piano governativo di prevenzione delle violenze, "per questo le nostre vite hanno meno valore".

Moreno, banchiere conservatore in carica dal 2017, non ha avuto altra scelta che scusarsi per placare critiche unanimi. "Non intendevo minimizzare un problema tanto grave quanto la violenza o l'abuso. Mi scuso se è stato compreso in questo modo" ha scritto su Twitter. "Respingo la violenza contro le donne in tutte le sue forme".