Le donne di Kabul in piazza contro il governo dei talebani

·1 minuto per la lettura
featured 1502286
featured 1502286

Milano, 8 set. (askanews) -“Perché il mondo resta a guardarci in silenzio e crudele?”. È la domanda senza risposta scritta su uno dei cartelli nelle mani di una delle donne scese in piazza a protestare contro i talebani dopo la formazione del nuovo governo. Un esecutivo, che come temuto e previsto, le esclude da qualsiasi posizione di potere.

Nonostante i rischi, da quando i talebani sono tornati al potere in Afghanistan ogni settimana qualche gruppo di donne decide di scendere in piazza per protestare. E lo fanno consapevoli del grande pericolo che corrono, affiancate da talebani armati che nel migliore dei casi tollerano malvolentieri le proteste, salvo poi disperderle.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli