Le faq dell'Iss su Omicron: efficacia alta del booster dopo 14 giorni

·2 minuto per la lettura
TURIN, ITALY - JANUARY 03: A nurse prepares the first doses of the Pfizer-BioNTech COVID-19 vaccine in the Maxi-Hub Valentino Center, during the Covid Booster day on January 03, 2022 in Turin, Italy. The data on the contagion in Italy has increased significantly, exceeding 141, 000 cases per day. To speed up the administration process the government has upgraded vaccination centers for the booster dose. (Photo by Diego Puletto/Getty Images) (Photo: Diego Puletto via Getty Images)
TURIN, ITALY - JANUARY 03: A nurse prepares the first doses of the Pfizer-BioNTech COVID-19 vaccine in the Maxi-Hub Valentino Center, during the Covid Booster day on January 03, 2022 in Turin, Italy. The data on the contagion in Italy has increased significantly, exceeding 141, 000 cases per day. To speed up the administration process the government has upgraded vaccination centers for the booster dose. (Photo by Diego Puletto/Getty Images) (Photo: Diego Puletto via Getty Images)

Sull’efficacia dei vaccini nei confronti della variante Omicron è emersa una efficacia maggiore verso la malattia sintomatica due settimane dopo il booster, comparabile o leggermente inferiore a quella verso Delta.

Uno studio non ancora sottoposto a peer review riporta anche una perdita di efficacia del ciclo primario rispetto all’ospedalizzazione, sebbene di livello minore rispetto alla malattia sintomatica.

Lo scrive l’Istituto superiore della Sanità (Iss) sulle Faq pubblicate sul sito. I test già in uso basati su PCR rilevano l’infezione anche con Omicron. A causa delle mutazioni, perdono efficacia molti anticorpi monoclonali.

I risultati in Gran Bretagna indicano una riduzione significativa nell’efficacia vaccinale contro la malattia sintomatica da Omicron rispetto a quella da Delta dopo due dosi di vaccino Pfizer o AstraZeneca. Uno studio non ancora sottoposto a peer review riporta anche una perdita di efficacia del ciclo primario rispetto all’ospedalizzazione, sebbene di livello minore rispetto alla possibilità di sviluppare la malattia sintomatica.

I dati sulla gravità clinica dei pazienti infettati con Omicron sono ancora preliminari: quelli da Sud Africa, Gran Bretagna e Danimarca suggeriscono una riduzione del rischio di ricovero per Omicron rispetto a Delta. Tuttavia il rischio di ricovero è solo uno degli aspetti della gravità della malattia. Servono maggiori dati da diversi Paesi - scrive l’Iss - per capire come gli altri indicatori, come l’uso di ossigeno o ventilazione meccanica o la mortalità, sono associati a questa variante nei casi severi.

Al momento non è ancora chiaro fino a che punto la riduzione osservata del rischio di ricovero possa essere attribuita all’immunità da infezioni precedenti o vaccini o quanto Omicron possa essere meno virulenta. Comunque si ricorda che tutte le varianti del Covid-19 possono causare malattia grave o morte, in particolare nelle persone più vulnerabili per età o condizione fisica, e la prevenzione attraverso la vaccinazione e le misure di protezione non farmacologiche (distanziamento, igiene delle mani, mascherine) laddove richiesto, rimane fondamentale.

L’Iss ribadisce che i vaccini restano indispensabili per ridurre il rischio di malattia grave e morte, per cui è fondamentale aumentare le coperture vaccinali il più rapidamente possibile sia con il completamento del ciclo primario per chi non l’avesse ancora fatto, sia con le dosi di richiamo per chi ha completato il ciclo primario o per chi è guarito da più di quattro mesi.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli