Le fiamme sono state domate e molti residenti evacuati ma quella è un’area considerata a rischio

I vigili del fuoco in azione nella Foresta Rossa
I vigili del fuoco in azione nella Foresta Rossa

Orrori paralleli alla guerra in Ucraina, dove si è sviluppato un grosso incendio nella foresta vicino alla centrale nucleare di Chernobyl. I media di Kiev spiegano che dopo alcune ore di lavoro stremante le fiamme sono state domate e molti residenti sono stati evacuati dai Vigili del Fuoco ma quella è un’area considerata a rischio, anche se secondo letture molto controverse, e la cenere che incendio e vento hanno generato e disperso potrebbe essere radioattiva e pericolosa.

Incendio nella foresta vicino Chernobyl

A comunicare la notizia è stato per primo il servizio di emergenza dell’Ucraina, che ha fatto sapere che nella serata del 17 maggio si è sviluppato un incendio nella famigerata “Foresta Rossa”. Si tratta dell’aera boschiva vicino alla centrale di Chernobyl. La zona attorno alla centrale è spesso soggetta ad incendi che a volte vanno avanti per giorni perché quella zona, in sospetto di radioattività, non è soggetta a pulizia e le fiamme attecchiscono in maniera forte.

Le trincee dei russi e la radioattività

Open informa a marzo “più di diecimila ettari della foresta sono andati in fiamme mentre la zona era ancora sotto il controllo della Russia”. E i soldati di Mosca sono non solo accusati dall’Ucraina di aver portato via sostanze radioattive dall’impianto ma di aver portato con sé la radioattività dopo essersi accampati in uno dei locali di servizio della centrale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli