Le guerre dei presidenti americani, dal 1945 a oggi

Con la pioggia di missili iraniani sulle basi USA in Iraq, l'anno inizia nel peggiore dei modi possibili ma, dopo l'assassinio del generale Soleimani la reazione iraniana era scontata, anzi era l'unica possibile. Per questo desta solo preoccupazione il tweet di Trump quando dice: "Abbiamo di gran lunga l'esercito più potente e ben equipaggiato al mondo".

Sarebbe troppo semplice, però, prendersela con Trump visto che tutti - proprio tutti - i presidenti americani fanno la guerra. Avviene quando, secondo loro, c'è da difendere gli interessi degli USA. E non importa se sono repubblicani o democratici. Pare essere il destino del Capo dell'America: alla fine, se pensi sia nei tuoi interessi, la guerra la fai.  È stato detto che Soleimani fosse "mostruoso" e naturalmente altri hanno detto che mostruoso era Trump. Ma la vera mostruosità è quello di rendere ineluttabile un meccanismo per cui, per ogni mandato, un Presidente degli USA deve fare almeno una guerra.

Chi non ci credesse può facilmente fare una ricerchina e scoprire tutte le guerre dei Presidenti degli Stati Uniti; io l'ho fatto a partire dalla seconda guerra mondiale e la offro qui sotto in sintesi.

Harry Truman (1945-1953, Democratico) è stato l'uomo della Guerra di Corea. 

Dwight D. Eisenhower (1953-1961, Repubblicano) ereditò la Guerra di Corea e giunse all'armistizio ma impegnandosi nell'escalation della Guerra Fredda: aveva l'idea che gli americani dovessero essere più aggressivi nei confronti di Mosca. 

John Fitzgerlad Kennedy (1961-1963, Democratico) portò in pochi mesi i consiglieri militari statunitensi in Vietnam da qualche centinaio a 16.000 e, di fatto, fu l'iniziatore del conflitto che avrebbe segnato l'America per generazioni. Fu anche il presidente della Baia dei Porci, e cioè del tentativo, fallito, di invadere la Cuba di Fidel Castro.

Lyndon Johnson (1963-1969, Democratico) fu colui che prese il posto di Kennedy e verrà ricordato per l'escalation della Guerra del Vietnam. Nel 1965, Johnson ordinò anche l'invasione della Repubblica Domenicana per rovesciare il governo socialista di Juan Bosch Gavino. 

Richard Nixon (1969-1974, Repubblicano) chiuse la guerra in Vietnam dopo un'escalation di bombardamenti a tappeto sulle città e le campagne del Nord e, segretamente, in Cambogia e Laos. Divenne, nonostante non lo avesse iniziato, il simbolo negativo di quel conflitto.

Gerald Ford (1974 -1977, Repubblicano): in così poco tempo, il successore di Nixon non combattétecnicamente alcuna guerra, anche se chiese al Congresso il permesso di farne una. Infatti, nonostante gli accordi di Pace di Parigi del 1973, nel dicembre del 1974, le colonne militari nord-vietnamite si diressero verso il Sud e il governo sud-vietnamita chiese aiuto agli Usa. Ford allora decise l'intervento ma Capitol Hill disse di no. 

Jimmy Carter (1977-1981, Democratico)quando l'unione sovietica invase l'Afghanistan mandò aiuti militari segreti ai mujaheddin afghani, attraverso i sauditi e i pachistani. Fu la sua guerra e l'embrione di quella che divenne la jihad di Osama Bin Laden contro gli Stati Uniti. Carter fallì anche il blitz militare per liberare gli ostaggi dell'ambasciata americana a Teheran.

Ronald Reagan (1981-1989, Repubblicano), dopo aver chiuso la Guerra Fredda, fu protagonista di due azioni militari: l'invasione di Grenada nel 1983, decisa perché un regime filo marxista non si affiancasse a quello di cubano in quell'area; il bombardamento di Tripoli nel 1986 con l'obiettivo di colpire Gheddafi. 

George H. W. Bush (1989-1993, Repubblicano) combatté e vinse la prima guerra del Golfo, dopo l'invasione da parte di Saddam Hussein del Kuwait. Diede anche l'ordine di invadere Panama: nel dicembre del 1989, 24.000 soldati americani sbarcarono nel piccolo, ma importantissimo stato del Centroamerica per abbattere il dittatore Manuel Noriega.

Bill Clinton (1993-2001, Democratico) inviò e poi ritirò le truppe americane dalla Somalia. Due anni dopo, ordinò i raid aerei contro i serbi di Bosnia per costringerli a trattare e, dopo gli accordi di Dayton, dispiegò una forza di pace nei Balcani.Nel 1998, in risposta agli attentati di Al Qaeda, per ritorsione fece bombardare obiettivi in Afghanistan e in Sudan. Un anno dopo, il teatro di guerra tornò ad essere i Balcani: gli Usa furono protagonisti della Guerra del Kosovo e della caduta di Milosevic. 

George W. Bush (2001-2009, Repubblicano) è il presidente delle due ultime guerre americane (a questo punto, "penultime") in grande stile: Afghanistan e Iraq come risposta all'attacco delle Torri Gemelle. Se la prima ebbe l'appoggio di quasi tutti gli americani, la seconda invece venne largamente contestata dall'opinione pubblica statunitense e mondiale. 

Barack Obama (2009-2017, Democratico) è da subito contrario all'invasione dell'Iraq, eletto per far tornare le truppe a casa da Bagdad e Kabul, e vincitore del Nobel per la Pace, oltre ai noti interventi in Siria, Libia, Iraq e Afghanistan, ha bombardato anche lo Yemen, la Somalia e il Pakistan. Secondo alcuni analisti è stato il presidente americano che ha tenuto in guerra gli Stati Uniti per più tempo. 

Sono ragionamenti semplici, che chiunque può fare, e convergono verso un'unica domanda semplice: per quale motivo ogni Presidente degli Stati Uniti, a prescindere dalla sua appartenenza politica, si sente in dovere di fare almeno una guerra durante il proprio mandato?