Le immagini nella puntata di Chi l'ha visto

·3 minuto per la lettura
saman abbas sarebbe viva e tenuta segregata dai genitori
saman abbas sarebbe viva e tenuta segregata dai genitori

Il fidanzato Saman Abbas, ospite di Chi l’ha visto, ha mostrato l’abito del matrimonio che stavano organizzando in Italia. Le ricerche della ragazza sono ancora in corso, ma sono sempre più difficili e il corpo non è ancora stato trovato.

Saman Abbas: il fidanzato ha mostrato l’abito da sposa

Il fidanzato di Saman Abbas, durante la puntata di Chi l’ha visto, ha mostrato l’abito da sposa scelto dalla ragazza per le loro nozze in Italia. Saqib ha emozionato tutti, mostrando anche i regali che i due si erano scambiati. Sono stati momenti di grande commozione per tutti, soprattutto per le sue parole: “Lotterò fino all’ultimo respiro per lei”. Un giovane amore finito in tragedia, in cui anche Saqib è rimasto vittima della famiglia Abbas. Le ricerche di Saman, intanto, vanno avanti e si inizierà a cercare anche in un boschetto al di fuori della proprietà di via Colombo a Novellara. Il raggio di azione delle ricerche si sta ampliando, per la paura di non trovare il corpo della 18enne.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

L’impiego dei Detection Dogs Ticino, addestrati per trovare resti ematici e tracce di decomposizione, non ha avuto frutti. I militari della compagnia carabinieri di Guastalla continuano a coordinare le attività di perforazione del terreno e i carotaggi delle serre. Stanno controllando le aree con le unità cinofile e setacciando i terreni in cui crescono le angurie. Nel luogo ci sono aree che non sono ancora state esplorate, in cui potrebbe essere stato nascosto il corpo della giovane, probabilmente uccisa dalla sua famiglia.

Saman Abbas: le ricerche continuano

Le ricerche di Saman Abbas continuano, ma uno degli ostacoli è il raggio di azione avuto a disposizione dai presunti omicidi, ovvero il vastissimo campo in cui lavoravano. Le telecamere dell’azienda agricola hanno filmato tre uomini che si allontanavano con due pale, un secchio, un sacco azzurro e un piede di porco, segno di premeditazione. Lo zio Danish Hasnain e i cugini Ikram Ijaz e Nomanulhaq Nomanulhaq, intorno alle 19.33, erano dirette in una direzione precisa, da cui sono tornati due ore e mezza dopo. Secondo gli inquirenti, in questo tempo hanno raggiunto il punto preciso in cui allestire il luogo di sepoltura della povera Saman. Quel luogo potrebbe trovarsi anche più lontano rispetto al casolare in cui viveva la famiglia Abbas, magari anche al di fuori della proprietà dell’azienda agricola Bartoli.

Saman Abbas: in corso tutte le verifiche

Le ricerche si concentreranno anche alle spalle della casa crollata, a un chilometro di distanza dall’azienda agricola, dove si trova un piccolo bosco. I carabinieri cercheranno in quel luogo insieme all’unità cinofila del nucleo carabinieri di Bologna. Si sono messi in gioco nelle ricerche, in modo del tutto volontario, anche degli archeologi, in grado di capire perfettamente le differenze del terreno. Intanto, verranno analizzati gli esiti delle attività svolte con l’elettromagnetometro, per capire se ci sono delle anomalie nel terreno. L’ipotesi che la 18enne, dopo essere stata consegnata dai genitori, sia stata trasportata lontano con un’auto, al momento è meno plausibile. Nonostante questo, gli inquirenti stanno facendo tutte le verifiche del caso anche sui veicoli transitati quella notte in via Colombo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli