Le imprese di Italia e Francia: la parola d’ordine è fiducia

·1 minuto per la lettura
featured 1378957
featured 1378957

Roma, 11 giu. (askanews) – Le imprese di Italia e Francia accelerano sul fronte della collaborazione per la ripresa economica. Al termine della due giorni del III Forum economico Confindustria-Medef i presidenti delle due associazioni, Carlo Bonomi e Geoffroy Roux de Bèzieux, hanno messo nero su bianco, in una Dichiarazione congiunta, le priorità del mondo imprenditoriale.

I piani nazionali di ripresa e resilienza rappresentano una grande occasione ma bisogna porre un “forte accento” sulle riforme strutturali.

Per rendere la ripresa più rapida – è la premessa delle Dichiarazione congiunta – “la parola d’ordine è fiducia”. Gli imprenditori italiani e francesi “s’impegnano ad investire ed innovare” e chiedono ai governi d’inviare “un segnale forte a cittadini e imprese, sia dal punto di vista economico che da quello sanitario”.

Le due associazioni considerano il Mercato Unico una risorsa fondamentale per realizzare un’economia verde e circolare. Il presidente di Medef, Roux de Bèzieux. “E’ emersa una convergenza di diagnosi sulla situazione economica dei nostri paesi e sulla forza dell’Europa che, diversamente dal passato ha agito presto e in modo forte – ha spiegato – “Abbiamo molto lavoro davanti a noi e dobbiamo insistere sui settori innovativi”.

“E’ questo che è emerso oggi: una grande visione comune dell’industria europea, quella che in un periodo di grande crisi economica ha tenuto in piedi l’Europa. E’ un asset importante, un patrimonio dell’Europa di cui non ci si può e deve mai dimenticare”, ha sottolineato il leader di Confindustria, Carlo Bonomi.

Alla seconda giornata del Forum hanno partecipato tra gli altri anche il ministro dello Sviluppo economico italiano, Giancarlo Giorgetti, e il ministro dell’Economia della Francia, Bruno Le Maire.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli