Le incendiarono auto per non farle denunciare rapina: 2 arresti

Psc

Napoli, 6 giu. (askanews) - Prima l'hanno rapinata e poi, per non farsi denunciare, le hanno incendiato l'auto. Due fratelli arrestati a Torre Annunziata, nel Napoletano. I carabinieri della locale Compagnia hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del tribunale oplontino, nei confronti di Gianluca e Antonio V., di 31 e 42 anni, ritenuti responsabili di rapina, lesioni e incendio.

L'indagine, coordinata dalla procura della Repubblica di Torre Annunziata, stata avviata dopo le denunce sporte da una donna 44enne che, lo scorso dicembre, dopo aver subito la rapina della borsa da parte di due giovani in sella a un motoveicolo Piaggio Beverly con targa bulgara, sub dopo pochi giorni anche l'incendio doloso della sua auto Fiat Punto in via IV Novembre. Un incendio di grandi proporzioni che interess altre due vetture e una pizzeria e che, solo grazie al pronto intervento delle forze dell'ordine, non si propag alle abitazioni circostanti.

Le attivit investigative hanno permesso di accertare che Gianluca V. era stato uno degli autori della rapina: aveva noleggiato il motociclo Piaggio e ne era stato l'unico utilizzatore; il fratello stato incastrato dalle immagini di videosorveglianza. Era stato lui ad appiccare l'incendio alla vettura, verosimilmente per impedire alla donna, che aveva riconosciuto i suoi aggressori, di rivolgersi alle forze dell'ordine per denunciare il fratello. I due sono finiti in carcere.