Le inondazioni in Pakistan avranno forti conseguenze anche per l'Africa

no credit

AGI - L'Africa non ha pace. La sicurezza è messa a rischio dall'aumento dei prezzi delle materie prime e ora potrebbe aggravarsi ulteriormente per le inondazioni che hanno investito il Pakistan. Il continente africano deve far fronte all'aumento dei prezzi del grano e del mais a causa della guerra in Ucraina, ma, secondo molti analisti economici, dovrà far fronte anche all'aumento dei prezzi di mercato del riso, un alimento base per gli africani, a causa delle inondazioni che hanno investito il Pakistan e alla decisione dell'India di limitare le sue esportazioni.

L'India ha vietato le esportazioni di riso spezzato (frammenti di chicchi rotti) la scorsa settimana e ha imposto un dazio del 20% sulle esportazioni di riso di qualità superiore. Con questa misura, il più grade esportatore mondiale cerca di abbassare i prezzi a livello locale, dopo che le piogge monsoniche sono state inferiori alla media. Le esportazioni potrebbero, grazie a questa misura, crollare del 25% nei prossimi mesi. “Tutti i cereali sono aumentati, tranne il riso, ma ora si unirà a questa tendenza”, ha spiegato Himanshu Agarwal, direttore di Satyam Balajee – il principale esportatore di riso indiano - sentito dalla Reuters.

Al tempo stesso, Thailandia e Vietnam hanno deciso di aumentare i prezzi per remunerare meglio i loro agricoltori. Secondo Phin Zinell, economista alimentare presso la National Australia Bank, ci “saranno tensioni significative sulla sicurezza alimentare in molti paesi”. E a farne le spesse, maggiormente, sarà l'Africa, tanto più che la situazione in Pakistan, di fronte alle alluvioni che lo hanno investito, potrebbe pesare sui prezzi mondiali.

“Il Pakistan è un grande esportatore di riso, ma un terzo del paese è sott'acqua e quindi il rischio, a lungo termine, è un aumento del prezzo del riso sul mercato internazionale”, ha spiegato Nicolas Bricas, titolare della Cattedra mondiale dell'alimentazione dell'Unesco, sentito da France24. Un altro fattore rischia di aggravare ulteriormente la situazione: la forte domanda cinese di rotture di riso per sostituire il mais che è diventato troppo costoso per nutrire il bestiame, provocando così un innalzamento dei prezzi.

Tutto ciò, evidentemente, rappresenta una brutta notizia sul fronte della sicurezza alimentare nell'Africa subsahariana, che dipende in larga misura dalle importazioni di cereali bianchi dall'Asia. L'Africa, quest'anno, potrebbe assorbire il 40% del commercio mondiale di riso, ovvero 20 milioni di tonnellate, un vero e proprio record.

La dipendenza dalle importazioni di riso è cronica e durerà nel tempo, anche perché la produzione locale non è in grado di seguire la curva dei bisogni che cresce con la crescita demografica urbana. In Africa il riso è l'alimento preferito dagli abitanti delle città perché è un prodotto pronto all'uso a differenza dei tradizionali cereali, come il miglio e il sorgo, che hanno bisogni di una preparazione.

Se la sicurezza alimentare in Africa subsahariana non si base esclusivamente sul riso, come in altri continenti, questo rimane il secondo cereale più consumato dopo il mais. Un'impennata dei prezzi rappresenterebbe un nuovo colpo per le popolazioni africane, già indebolite dai prezzi dei generi di prima necessità, soprattutto quelli agricoli. La situazione è particolarmente critica nel Corno d'Africa, che sta attraversando una siccità mai vista negli ultimi quarant'anni. Secondo le Nazioni Unite, dall'Etiopia meridionale al Kenya settentrionale fino alla Somalia, 22 milioni di persone sono a rischio fame.

L'aumento del prezzo del riso è, dunque, atteso, ma secondo molti analisti dovrebbe rimanere contenuto e di breve durata. Di sicuro è un azzardo, anche se il raccolto dei principali paesi produttori ed esportatori - India, Thailandia e Vietnam - inizierà tra poche settimane. Questo riso dovrà andare ad aggiungersi alle scorte, già al massimo, e quindi dovrebbe spingere questi paesi a vendere il vecchio raccolto, allentando la pressione sul mercato. Ma bisognerà capire se i maggiori esportatori di riso applicheranno misure di protezionismo del proprio mercato interno.

Di sicuro gli effetti maggiori si vedranno nei primi mesi dell'anno prossimo. Occorre ricordare, infine, che il Pakistan esporta 4 milioni di tonnellate di riso all'anno, contro i 21 milioni dell'India. La domanda è: il mercato sarà in grado di resistere allo shock anche se il Pakistan, come è prevedibile, limiterà le sue esportazioni e l'India manterrà i dazi e il tetto alle esportazioni di riso?