Le intenzioni di voto degli italiani che perdono la fiducia in Salvini

·2 minuto per la lettura
sondaggi politici crollo lega
sondaggi politici crollo lega

Cosa accadrebbe se gli italiani fossero chiamati oggi alle urne elettorali? A parziale risposta di questa domanda ci sono i sondaggi politici effettuati da Swg per il TgLa7 dopo le elezioni regionali e il referendum costituzionale del 20 e 21 settembre. Da subito si nota un crollo della Lega di Matteo Salvini, che resta prima partito ma perde tanti punti percentuali i quali, è logico pensare, confluiscono in parte nella quota di Fratelli d’Italia che fa un netto passo in avanti. Il Pd cresce di poco, così come il Moviemento 5 Stelle.

Sondaggi politici: crollo della Lega

Guardando ai numeri si vede che la Lega, primo partito, perde il 2,5% dei consensi rispetto alla precedente rilevazione (risalente al 31 agosto), rimane in testa con il 23,8%. Subito dopo il Pd che guadagno un 0,1% e si stanzia al 20,1%. Terzo partito il Movimento 5 Stelle, al 16%, con una crescita dello 0,2%. Il guadagno più ampio in termini di consenso lo fa però Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che con un +1,4% arriva al 15,8%. Perde posizioni invece l’altro alleato del centrodestra, Forza Italia, che si ferma al 5,8%. La Sinistra si attesta invece al 3,5% (-0,2%), mentre Azione raggiunge il 3,4%, crescendo della stessa percentuale. Perde consensi Italia Viva (-0,2%), ora al 3%, mentre cresce leggermente +Europa (2,1%). In leggero calo i Verdi all’1,9%. Dopo la vittoria in Liguria di Giovanni Toti guadagna consensi Cambiamo, che con lo 0,4% dei voti in più raggiunge l’1,5% stando al sondaggio Swg. In calo il dato degli indecisi.

Chi ha vinto le elezioni?

Oltre al sondaggio politico e stato chiesto agli intervista da SWG di rispondere alla seguente domanda:Chi è il vero vincitore delle elezioni regionali?“. Per il 23% degli intervistati è stato il Pd a trionfare, secondo il 20% Fratelli d’Italia, secondo il 16% la Lega e secondo il 12% il Movimento 5 Stelle. Da sottolineare poi come il 29% degli intervistati ritenga che nessuno di questi possa essere considerato il vincitore della tornata elettorale.