Le italiane sorridono in Champions, niente big agli ottavi

FABRICE COFFRINI / AFP

AGI - Sorteggio benevolo per le tre squadre italiane approdate agli ottavi di finale di Champions League che hanno evitato lo spauracchio delle big europee: Eintracht Francoforte per il Napoli, il Tottenham di Antonio Conte per il Milan, il Porto di Sergio Conceicao per l'Inter.

Alla squadra di Spalletti, l'unica passata come prima, l'urna di Nyon ha riservato i tedeschi vincitori della passata edizione dell'Europa League che sono riusciti a qualificarsi da secondi nel pazzo Gruppo D, quello deciso tutto all'ultima giornata. Nella fase a gironi la squadra di Oliver Glasner ha ottenuto tre vittorie, un pareggio e due sconfitte, segnando sette gol e subendone otto. Un avversario abbordabile e assolutamente alla portata della squadra di Luciano Spalletti, che oltretutto avrà la possibilità di giocare il ritorno in casa nell'infuocato stadio Diego Armando Maradona. In Bundesliga i bianconeri si trovano momentaneamente al quinto posto a -5 dalla vetta occupata dal Bayern Monaco.

Nello stesso girone del Francoforte, ma in prima posizione, è passato anche il Tottenham di Antonio Conte che sarà il prossimo avversario del Milan di Stefano Pioli. L'allenatore pugliese, ex Juve ed Inter, tornerà quindi a San Siro in quello che per lui sarà una sorta di derby. Gli inglesi hanno chiuso la prima fase con una sola sconfitta sul campo dello Sporting Lisbona, vincendo invece tre volte e pareggiando due. Ovviamente il pericolo principale per i rossoneri sarà Harry Kane, bomber degli Spurs e attaccante che può spostare gli equilibri in qualsiasi modo, seppur fermo solo ad un gol in questa edizione della Champions. Tra gli altri, i rossoneri dovranno fare attenzione anche a Son, oltre che alle vecchie conoscenze del calcio italiano cone l'ex interista Perisic, e gli ex juventini Kulusevski e Bentancur.

Infine l'Inter affronterà il Porto, arrivato primo al fotofinish nel Gruppo B lasciandosi alle spalle Club Brugge, Bayer Leverkusen e soprattutto Atletico Madrid, sorpresa in negativo di questa Champions. I portoghesi di Sergio Conceicao hanno conquistato 12 punti in virtù di 4 vittorie, arrivate consecutivamente dopo le iniziali due sconfitte. Un percorso quindi in crescendo quello dei ‘dragoni', in cui si è preso la scena in modo particolare Mehdi Taremi. L'attaccante iraniano finora ha messo a segno 5 gol in Champions, alla pari di due mostri come Erling Haaland e Robert Lewandowski. Il Porto però è anche carattere, personalità ed organizzazione di squadra e ha buoni precenenti con le squadre della Serie A: nel 2019 eliminò la Roma agli ottavi di Champions (3-1 ai supplementari nel ritorno in casa), nel 2020 i biancoblù fecero fuori la Juventus sempre agli ottavi, l'anno scorso invece eliminarono la Lazio nei playoff di Europa League. Adesso tocca all'Inter sfatare il tabù.

Le partite si giocheranno scaglionate con l'andata tra il 14, 15, 21 e 22 febbraio (due gare in ognuna delle giornate), e ritorno il 7, 8, 14 e 15 marzo.

L'urna della sede Uefa a Nyon è benevola anche per le due italiane agli spareggi di Europa League: la Juventus retrocessa dalla Champions League pesca il Nantes che affronterà il 16 febbraio in casa e il 23 febbraio in Francia. La Roma, seconda classificata nel suo girone e qundi costretta agli spareggi, affronterà il Salisburgo: andata il 16 febbraio in Austria e il 23 all'Olimpico.