Le lacrime di Berrettini alle Atp Finals, si infortuna e deve ritirarsi contro Zverev

·2 minuto per la lettura
TURIN, ITALY - NOVEMBER 14: Matteo Berrettini of Italy receives treatment before being forced to retire with an abdominal injury during his singles match against Alexander Zverev of Germany during Day One of the Nitto ATP World Tour Finals at Pala Alpitour on November 14, 2021 in Turin, Italy. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images) (Photo: Clive Brunskill via Getty Images)
TURIN, ITALY - NOVEMBER 14: Matteo Berrettini of Italy receives treatment before being forced to retire with an abdominal injury during his singles match against Alexander Zverev of Germany during Day One of the Nitto ATP World Tour Finals at Pala Alpitour on November 14, 2021 in Turin, Italy. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images) (Photo: Clive Brunskill via Getty Images)

Un infortunio agli addominali costringe Matteo Berrettini a lasciare in lacrime il Pala Alpitour quando era sotto di un set contro Alexander Zverev nel match di esordio alle Atp Finals.

Vince per forfait il tedesco, che era in vantaggio dopo un’ora e quaranta di grande tennis, nelle quali l’italiano ha avuto anche due palle per vincere il primo set. Dispiaciuto il campione olimpico, rivale sul campo ma amico nella vita di Berrettini, che aveva già avuto un infortunio agli addominali agli Australian Open. Ed ora si scalda la riserva Jannik Sinner: se il 25enne romano non dovesse farcela, toccherà a un altro italiano prendere il suo posto.

“Sulla partita c’è poco da dire, dispiace tanto per Berrettini: starà vivendo sensazioni bruttissime perché si era conquistato questo torneo ed è stato costretto al ritiro”, dice a fine partita Zverev. “Non saprei cos’altro aggiungere se non che mi dispiace”.

I boati per i colpi dell’italiano si zittiscono all’improvviso, quando è costretto a chiedere l’intervento del medico per un dolore agli addominali. Pallido e teso, il tennista prova a riprendere, ma non c’è nulla da fare. E sul suo volto sfigurato dal dolore compaiono anche le lacrime. Una vera e propria doccia fredda per il Pala Alpitour, che perde all’improvviso il sorriso, mentre applaude la sportività del tedesco che abbraccia l’avversario e lo aiuta a uscire dal campo.

“Non avevo sentito alcun dolore prima di quel servizio nel secondo set, farò gli esami: spero che sia solo una contrattura e che riesca a tornare in campo martedì, anche fosse soltanto al 60%” dice Matteo Berrettini, “non so nemmeno con chi prendermela - aggiunge in conferenza stampa, visibilmente scosso - purtroppo mi sta sfuggendo di mano qualcosa che mi ero conquistato meritatamente senza che io possa farci nulla. In campo ho sentito l’atmosfera
più bella della mia vita durante il primo set, ecco perché ora mi sento così male”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli