Le migliori mascotte degli Europei

·4 minuto per la lettura

Sin dalla loro introduzione nell'Europeo di Italia 1980, le mascotte sono state replicate in ogni edizione e ognuna di loro ha cercato di entrare nel cuore dei tifosi. Anche le mascotte hanno sempre cercato di dare il loro contributo nel rendere più bello ogni singolo Europeo, ma quali sono le mascotte di ogni Europeo e quali sono le più belle? Scopriamole tutte!

11. Euro 2020 - Skillzy

La mascotte di Euro 2020 | Paolo Bruno/Getty Images
La mascotte di Euro 2020 | Paolo Bruno/Getty Images

Terribile, merita l'ultimo posto. E' letteralmente una persona normale con gli occhi enormi. Il nome suona come una persona dimenticata che forse non chiameresti neppure al calcetto del giovedì sera...

10. Italia 1980 - Pinocchio

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

In Italia abbiamo il merito di aver lanciato nel 1980 la mania delle mascotte, ma forse potevamo impegnarci di più. Il progetto sembra dire: ''Disegna Pinocchio, ma non farlo assomigliare a quello della Disney per evitare il copyright. Ah, mettici anche un pallone''.

9. Portogallo 2004 - Kinas

La mascotte di Euro 2004 | Shaun Botterill/Getty Images
La mascotte di Euro 2004 | Shaun Botterill/Getty Images

Nono posto per la mascotte di Euro 2004, che somiglia fin troppo a un personaggio dei Simpson ma senza richiamare alla celebre serie. Si poteva fare di meglio.

8. Inghilterra 1996 - Goaliath

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Uno sforzo accettabile, si poteva far meglio ma anche peggio. Semplice ma efficace, però sa tanto di ''fratello minore'' della mascotte dei Mondiali Willie. Massimo di voti comunque per il gioco di parole sul nome.

7. Austria/Svizzera 2008 - Trix&Flix

Hanno battuto la concorrenza di Zigi&Zagi e di Flitz&Bitz diventando le mascotte di Euro 2008, per Trix&Flix come premio c'è stato un video musicale con il cantante giamaicano Shaggy che aveva registrato due canzoni per il torneo. Sfortunatamente l'altra è molto meglio, ciò condanna Trix&Flix al settimo posto in classifica.

6. Polonia/Ucraina 2012 - Slavek&Slavko

Palese imitazione di Trix&Flix le mascotte di Euro 2012 Slavek&Slavko sono anche loro protagonisti di un video, nel quale riescono usando i loro poteri a far crescere i palloni su un albero. Rispetto.

5. Francia 1984 - Peno

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Può sembrare il logo di un negozio di polli in una strada secondaria che ti darà al 100% un'intossicazione alimentare, ma ci piace un sacco. Quinto posto per lui.

4. Germania Ovest 1988 - Berni

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Impossibile non amare un coniglio sorridente con una fascia, soprattutto se quella fascia è personalizzata. Riteniamo che Berni sarebbe anche un ottimo bersaglio, sicuramente è anche bravo a saltare.

3. Svezia 1992 - Rabbit

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ancora un ballerino dalle orecchie flosce ed una maglia più bella. Così Bernie riesce a superare Berni sul podio come mascotte più bella degli europei al terzo posto.

2. Francia 2016 - Super Victor

La mascotte di Euro 2016 | LOIC VENANCE/Getty Images
La mascotte di Euro 2016 | LOIC VENANCE/Getty Images

Super Victor ha raggiunto un nuovo standard per le mascotte degli Europei. E' stata raccontata la sua origine attraverso un delizioso cortometraggio in stile Pixar. Ah, è bellissimo.

1. Olanda/Belgio 2000 - Benelucky

Benelucky, la mascotte di Euro 2000 | Ben Radford/Getty Images
Benelucky, la mascotte di Euro 2000 | Ben Radford/Getty Images

Scelta controversa, ma non ci interessa. Benelucky è stato scelto tra oltre 5000 design per catturare l'attenzione e rendere tutti pazzi di lui. Metà diavolo e metà leone (i rispettivi simboli delle due nazionali ospitanti il torneo) con uno stile di colori simile a un tappeto Wetherspoons, sembrava un personaggio di Roald Dahl perduto da tempo. Confuso sì, ma anche piuttosto magico. Inoltre la sua criniera sembrava davvero morbida.

Segui 90min su Instagram

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli