Le misure anti Covid per le regioni inserite nell'area gialla

·1 minuto per la lettura

AGI - In italia c'è un'alta probabilità che diverse regioni "superino la soglia critica delle terapie intensive. Da noi, ma in tutta Europa, il virus sta correndo forte, anche violento. L'Rt è aumentato sino a 1,7 come media nazionale, in alcune regioni vuol dire che è anche superiore". Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha spiegato la divisione delle regioni italiane in tre aree in base alla criticità esistente al momento: gialla, arancione e rossa.

Queste le misure previste dal Dpcm nelle zone qualificate come "fascia gialla" con criticità moderata, in cui rientrano Basilicata, Lazio, Abruzzo, Emilia Romagna, Campania e Liguria:

  • Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessita' e salute. Raccomandazione di non spostarsi se non per motivi di salute, lavoro, studio, situazioni di necessita'.

  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.

  • Chiusura di musei e mostre.

  • Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilita' e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell'infanzia, scuole elementari e scuole medie. Chiuse le università, salvo alcune attivita' per le matricole e per i laboratori.

  • Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.

  • Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

  • Chiusura di bar e ristoranti alle ore 18. L'asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

  • Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Restano aperti i centri sportivi.