Le mutazioni arrivano anche sull'isola fin qui esente da infezioni di questo tipo

·1 minuto per la lettura
Covid variante inglese in Sardegna
Covid variante inglese in Sardegna

Aumenta la presenza della variante inglese nei territori italiani, fino a poche ore fa ferma all’88%. Tra le Regioni finora prive della mutazione rientrava la Sardegna, ma la scoperta di alcune infezioni collegabili alla variante cambiano ancora una volta lo scenario. Nello specifico 5 casi sono stati accertati a Bono, paese in provincia di Sassari, mentre un altro è stato riscontrato a Nuoro ed uno ad Alghero. La situazione venutasi a creare ha imposto alle autorità competenti in materia di rafforzare il protocollo di sicurezza.

Covid, variante inglese in Sardegna

L’Ats in una nota ha specificato che: “Sono stati immediatamente identificati, isolati e tracciati i primi casi di variante inglese di Covid 19 presenti nell’Isola”. È poi Massimo Temussi, commissario straordinario di Ats Sardegna, ha sottolineare l’innalzamento del livello di attenzione: “Il Dipartimento di Prevenzione del Nord di ATS Sardegna, con il personale del Servizio di Igiene e sanità Pubblica, del Distretto di Ozieri e del Presidio di Ozieri, in collaborazione con le Usca, hanno subito applicato un protocollo rafforzato di controlli su un cluster identificato nel comune di Bono con tracciamenti a tappeto, che hanno portato all’identificazione e all’isolamento dei primi casi”.

I primi casi di positivi alla variante inglese di Bono sono dunque stati opportunamente isolati ed è stata avviata la pratica di tracciamento dei contatti e da questi è emerso che anche “un’insegnante del Liceo Artistico di Sassari, collegata epidemiologicamente al caso indice di Bono, è risultata positiva al tampone”. “Pertanto – conclude la nota di Ats – l‘intera classe è stata messa in quarantena e stamane tutti gli allievi sono stati sottoposti a test molecolare”.