Le nove startup della prima edizione di HabiSmart

HabiSmart
HabiSmart

Nove startup sono state selezionate nella prima edizione di HabiSmart, l’acceleratore della Rete Nazionale CDP dedicato a proptech e edilizia sostenibile. Inizieranno un percorso di 4 mesi presso la sede di COIMA a Milano e riceveranno un primo investimento pre-seed da 115mila euro.

HabiSmart, l’acceleratore proptech di CDP: le nove startup della prima edizione

HabiSmart è un programma triennale con una dotazione di 5,75 milioni di euro, nato dall’iniziativa di CDP Venture Capital che ha stanziato un investimento di 3,75 milioni. Un programma gestito da Digital Magics, principale acceleratore italiano con 20 anni di esperienza nel settore, e MassChallenge, operatore statunitense con 10 anni di esperienza e un track record di 3000 realtà accelerate. Tra i co-investitori COIMA, gruppo specializzato nell’investimento, sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari, il fondo sovrano Qatar Investment Authority, Ariston Group, tra i leader del comfort termico sostenibile, e Novacapital, holding di partecipazioni attiva nella tecnologia. HabiSmart è entrato nella fase di esecuzione del programma di accelerazione, dopo la call e la selezione. Le candidature raccolte sono stata 94, di cui il 38% è costituito da startup estere. Le nove startup selezionate potranno contare su un investimento iniziale di 115 mila euro che può crescere in follow on, per le startup più meritevoli, fino a 300 mila euro alla fine del programma.

HabiSmart, le nove startup del primo programma di accelerazione

Le nove startup selezionate sono:

  1. Allo: ha sviluppato una soluzione software e un dispositivo chiamato HomieTM che consente alle aziende di comprendere e modellare nuovi servizi di energia intelligente per i clienti. Una soluzione di gestione dell’energia per la casa intelligente;

  2. Houseplus: ha sviluppato un software di analisi predittiva per il settore immobiliare, per prevedere il valore degli immobili;

  3. Domethics: progetta e realizza prodotti e servizi IoT nel settore Smart Home. Ha progettato Adriano, che trasforma smarphone, tablet e smart Tv nel gateway smart-home più potente e conveniente sul mercato;

  4. Sunspeker: ha ideato una tecnologia in grado di creare un adesivo personalizzabile per avvolgere i pannelli solari;

  5. Newarc: semplifica il modo in cui le persone acquistano e vendono case grazie ad un algoritmo di valutazione in grado di stimare il valore di un immobile per acquistarlo, ristrutturarlo e rivenderlo;

  6. Homsai: sistema basato sull’intelligenza artificiale che massimizza l’autoconsumo di energia e il comfort nelle case con impianti rinnovabili;

  7. Ekore: sviluppa una piattaforma costituita da un unico ambiente Cloud in cui vengono raccolti e virtualizzati modelli BIM, planimetrie 2D, documenti e sorgenti dati da sensori o software IoT per migliorare e ottimizzare la gestione dei consumi e della manutenzione degli edifici tramite il concetto di digital twin;

  8. dataArrows: sviluppa TwinUp, soluzione per edifici intelligenti che ottimizza il funzionamento utilizzando tecnologie di intelligenza artificiale e IoT;

  9. Sensgreen: sviluppa soluzioni per la trasformazione digitale degli immobili commerciali, fornendo modelli di ottimizzazione basati sull’apprendimento automatico;

Queste startup potranno beneficiare della piattaforma tecnologica di gestione di distretto implementata nel quartiere di Porta Nuova a Milano e avranno la possibilità di testare i propri prototipi, accelerando il processo di sviluppo. La piattaforma tecnologica di Porta Nuova, progetto pilota di trasformazione digitale del quartiere, consiste in un’infrastruttura di sensori e dispositivi IoT capaci di acquisire informazioni in tempo reale sul comportamento degli utenti e delle loro necessità. COIMA, inoltre, metterà a disposizione delle startup di HabiSmart più di 1.150 ore all’anno di attività di mentorship e tutoring per garantire formazione riguardo l’Industria di riferimento che il proptech si prefigge di rivoluzionare.