Le novità e le “vecchie regole” dell’appuntamento elettorale scaturito dalla crisi del governo Draghi

Il 25 settembre ci sarà un voto politico cruciale per l'Italia
Il 25 settembre ci sarà un voto politico cruciale per l'Italia

Fra vecchi dubbi irrisolti e nuove certezze ecco come si andrà a votare il 25 settembre e come sarà il Parlamento “small”. Le novità e le “vecchie regole” dell’appuntamento elettorale scaturito dalla crisi del governo guidato da Mario Draghi fanno parte di un “piccolo vademecum” che conviene riassumere. Innazitutto il preambolo storico: la caduta del governo di Mario Draghi ha innescato lo scioglimento delle due Camere da parte del Capo dello Stato Sergio Mattarella e la fissazione delle elezioni anticipate per il 25 settembre 2022.

Come si andrà a votare il 25 settembre

Veniamo alle novità formali: si tratterà della prima volta del voto in autunno e della prima volta del nuovo Parlamento dopo la riforma costituzionale. Quale? Quella del 2020 che diminuisce di un terzo i parlamentari, e qui andiamo nelle novità sostanziali: la Camera dei deputati passerà da 630 a 400 seggi, il Senato da 315 a 200 e si potrà votare per il Senato già a 18 anni.

Meno scranni e il nodo delle Commissioni

Attenzione: i posti disponibili sono di meno ma nessuno li ha mai adeguati al taglio le commissioni, quindi ci si avvia all’ennesimo rebus che però ha una soluzione speed: prima delle elezioni si dovranno approvare alcuni correttivi fra cui proprio la riduzione delle commissioni permanenti da 14 a 10, il superamento della base regionale per elezione dei senatori a favore di quella circoscrizionale. E ancora: la riduzione da 3 a 2 delegati regionali per l’elezione del presidente della Repubblica. E la legge elettorale? Neanche quella è stata cambiata, quindi si andrà a votare con il cosiddetto Rosatellum, un sistema misto tra maggioritario e proporzionale decisamente non molto “amico” della governabilità certa del paese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli