Le nuove possibili regole per le festività

·2 minuto per la lettura
covid-natale-zona-rossa
covid-natale-zona-rossa

Ancora incerta la possibilità di far diventare l‘Italia zona rossa per l’interno periodo di Natale a causa del Covid. Durante la giornata di mercoledì 16 dicembre il governo avrà modo di fissare le nuove regole e decidere se dal 24 dicembre e fino al 6 gennaio gli italiani saranno costretti a subire un altro lockdown, molto simili a quello vissuto durante la scorsa primavera.

Covid, Natale: regole zona rossa

Nel caso in cui l’esecutivo decidesse di portare avanti una chiusura generalizzata e istituire una grande zona rossa, saranno vietati tutti gli spostamenti all’interno del Paese. Nessuna distinzione tra regioni e comuni, le uniche eccezioni possibili saranno garantite nel caso di estrema necessità: lavoro o salute.

In questo caso, come siamo stati abituati a fare in questi mesi, se si dovesse uscire per questi motivi si dovrà compilare l’autocertificazione in cui si attesterà il reale motivo per cui è stato necessario spostarsi. Si potrà, però, fare ritorno al proprio comune di residenza o domicilio. Non ci si potrà muovere per raggiungere le seconde case, diversamente da quanto garantito con il dpcm del 3 dicembre.

Discorso a parte per i bar e i ristoranti. Le attività potranno rimanere aperte dalle 5 del mattino fino alle 22, per il servizio di asporto, ma saranno chiuse al pubblico, quello a domicilio dovrebbe essere consentito senza orario. Per quanto riguarda le attività commerciali come negozi di abbigliamento e centri estetici dovranno rimanere chiusi. Gli esercizi che invece rimarranno aperti, anche con l’istituzione del lockdown, saranno:

supermercati, edicole, tabacchi, farmacie e parafarmacie. Lavanderie, ferramenta, negozi di vernici e materiali per costruzioni. Rivenditori di elettrodomestici, informatica e elettronica, ottiche e negozi di fotografia, benzinai e autosaloni. Parrucchieri, barbieri, librerie e cartolerie, fiorai. Concessionari di auto e moto, riveditori di cosmetici, articoli sportivi, biciclette, negozi di biancheria, calzature per bambini e giocattoli.

Non sarà possibile andare a trovare parenti e amici durante le festività. La visita sarà possibile solo in casi eccezionali, come per chi si prende cura di un parente anziano o malato, nel caso di genitori separati che devono andare a prendere i figli.