Le pagelle del terzo live di XFactor

Gabriele Fazio
·6 minuto per la lettura

Cattelan apre il terzo live di X-Factor in diretta dalla sua camera da letto, ma a condurre è ancora Daniela Collu che annuncia: “Puntata liberi tutti, giudici e concorrenti possono fare quello che vogliono”, Manuel Agnelli non capisce i dettagli della cosa e tenta la fuga.

Ospite della serata Fedez, il miglior giudice della storia di X-Factor, in realtà si tratta di un trappolone di Sky e Fremantle, che mentre canta serrano le vie d'uscita e minacciano di non seguirlo più su Instagram se non accetterà di firmare un contratto per le prossime 35 edizioni. Canta “Bella storia”, giustificando così tutti quegli anni in cui ascoltavamo i suoi commenti da dietro la cattedra chiedendoci “bravo quel ragazzo, ma che fa esattamente di mestiere?”

Gli artisti

Cmqmartina (7,5): Sceglie di cantare un inedito, “Sparami”. In scena la Delorean di “Ritorno al futuro”, lei è vestita come un manga, rifletteteci e capirete qual è il nesso, poi scriveteci per spiegarcelo perché a noi sfugge totalmente. Brano molto interessante, probabilmente il più interessante tra tutti gli inediti presentati in questa stagione; lei non lo canta solo bene, cosa che ormai diamo per scontato dato che è molto brava, ma anche con totale agio. Sul palco si diverte, vorremmo applaudirla ma si trasforma in Sailor Moon e vola fuori dallo studio a combattere i cattivi.

Blind (6): L'inedito che decide di cantare funziona come funziona un video comico virale su YouTube che ti fanno vedere per la terza volta nell'arco di una giornata, non può più far ridere allo stesso modo. I numeri sulle piattaforme ci dicono che in questa corsa è nettamente in vantaggio; lui evidentemente lo sa e assume un atteggiamento degno di Biff Tannen.

Vergo (2): In un atto di masochismo assoluto decide di cantare “La cura” di Franco Battiato, che suona male anche solo nominare nella pagella dell'autore di “Bomba”. Nel video introduttivo all'esibizione piange sostenendo di avere paura… e non ha idea da questa parte! Le ballerine attorno a lui durante il brano si muovono contorcendosi su se stesse e hanno tutta la nostra solidarietà. In più gli viene la straordinaria idea di azzardare anche un paio di stonature. Emma commenta: “Sfatiamo questo mito, si possono fare i tormentoni e anche Battiato”, il tutto senza scoppiare a ridere, nemmeno quando racconta di essere stata in vacanza a casa di Battiato… chissà che scommessa ha perso il maestro.

Little Pieces Of Marmalede (7,5): menomale che ci sono, qualsiasi cosa ricordino è qualcosa che in questo momento in Italia, a tutte le latitudini del mercato, manca.

Santi (6,5): Nel video introduttivo all'esibizione dichiara: “Anch'io ho delle emozioni”, il tutto mentre ruba la merenda a N.A.I.P.. Scherzi a parte, l'inedito che sceglie di cantare, “Morrison”, suona molto bene e lui lo canta bene, l'unico percorso possibile è quello del mondo indie, peccato che non ne esista più uno; potrebbe virare facilmente verso la mezza classifica a Sanremo prima di sparire nel nulla. I giudici gli dicono che non lo riconoscono in questo pezzo, lui risponde che se hanno qualche dubbio è quello che li aspetta fuori dallo studio. Si scherza, anzi, per spezzare una lancia a favore, Santi nel cast rappresenta una scena che ha bisogno di qualcuno su quel palco e siamo molto delusi di vederlo perdere il ballottaggio con Blue Phelix, tifavamo per lui.

Blue Phelix (5,5): Nel video che introduce l'esibizione dichiara: “Questa sera indosserò qualcosa che aiuterà tante persone a sentirsi meglio con se stessi”, i giornalisti nerd di musica lo fanno da quando sono adolescenti ma non se ne vantano mica. Il tutto altro non è che un vestitino da donna, roba da far sbadigliare Achille Lauro. Costumi a parte, la canzone è povera cosa, superficiale, scontata, già l'abbiamo dimenticata, nei nostri ricordi suona tipo “Bla, bla, bla…qualcosasuunastoriafinitamale” e stop con posa plastica da popstar; ma perlomeno sappiamo che sta lì a cantare. Manuel Agnelli commenta: “La canzone non è memorabile, è memorabile la tua urgenza”, anche la nostra ascoltando il brano non è niente male eh…

MYDRAMA (5): La ragazza è brava ma esce un po' tritata dall'effetto X-Factor, che è un macchinario che rischia di farti fuori senza alcuna pietà. Risulta debole in termini di presenza e scrittura, il suo inedito non lo salva nemmeno la produzione di quel geniaccio di tha Supreme. 

N.A.I.P. (8): Se Sheldon Cooper cantasse farebbe robe tipo quelle che fa N.A.I.P., la cosa più radical chic passata dal palco di X-Factor dai tempi di Levante. Stasera lo troviamo più a suo agio con la sua “Oh oh oh”; l'esibizione è gradevole, di quelle da club, che ti fanno prendere bene la bevuta, che poi torni a casa un po' brillo ma prima di svenire decidi di seguire su Spotify. Ha un futuro, anzi di più, un lavoro.

Casadilego (5,5): Purtroppo il live la fa rendere al 20% delle sue possibilità, poi in pigiama così come la mandano sul palco anche qualcosa in meno; perché poi ascoltata su Spotify spacca seriamente. Il brano non è eccezionale, lei lo salva, ma se vuole andare avanti deve trovare il codice giusto per mandarsi in orbita.

Melancholia (9): Una bomba atomica, totalmente credibili in tutto ciò che suonano. Con Agnelli giudice cascano a pennello e tirano fuori dal cilindro settimana dopo settimana dosi di energia controllata, perfetta, rigenerante. La frontman è un personaggio tanto etereo quanto rock, tanto indimenticabile quanto inquietante. Adoviamo. 

I giudici

Hell Raton (6,5): Tenta faticosamente di tirare dentro il suo mondo ipercool le sue giovani concorrenti che però mancano di quella attitudine, di quella malizia, per stargli dietro. È ingenuo ma competente, si conferma un'ottima scelta, contrariamente a quella di vestirlo come un ultrà del Genoa al proprio matrimonio.

Emma (5): Pensavamo ad un difetto della tv, eravamo già pronti a smadonnare, invece era proprio lei vestita come un Ferrero Rocher. Piano piano vengono fuori quei tempi di una cefta tv commerciale, caciaroni e scoordinati. I suoi interventi sono innocui, retorici e scontati, ci sta dietro quella scrivania, ha carattere, ma va indirizzata come si deve. Si ritrova nella spiacevole situazione di dover scegliere se eliminare Santi o Blue Phelix, sceglie di eliminare Santi dicendogli: “Quando ripartirà il mio tour scegliti le date e sarai mio ospite”…ma è previsto un tour di Emma?

Manuel Agnelli (7,5): Finalmente fa il maestrino, “Sta a vedere che sono io il conservatore al tavolo”. Invece si e ce n'è bisogno. Le sue scelte sono tutte azzeccate, ha la squadra più forte.

Mika (7): Torna a giocare al poliziotto buono che in realtà è un poliziotto cattivo che poi alla fine si scopre che nemmeno è un poliziotto ma l'assassino. Deve usare un po' di strategia perché le sue scelte in fase di selezione sono state molto azzardate, smuovendo così un po' le acque. Bene, bravo, bis.