Le parole d'accusa del presidente della Regione Campania.

·1 minuto per la lettura
focolaio Qualiano De Luca
focolaio Qualiano De Luca

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è tornato a scagliarsi contro i no vax, sottolineando come la loro scelta comporti ancora gravi problemi in diversi comparti del paese, tra cui la scuola. Nella specifico a Qualiano si sarebbe scatenato un focolaio con 20 studenti e 7 docenti positivi al covid e, stando a quanto detto da De Luca, sarebbero per il 99% no vax.

Focolaio in una scuola di Qualiano, le parole di De Luca

“Abbiamo fatto il contact tracing – ha detto De Luca nel corso del suo intervento a Industria Felix a Napoli – e per il 99 per cento sono figli di genitori non vaccinati. Non ho parole per esprimere il mio disprezzo per chi non ha rispetto per i propri figli. Confondere il diritti alla libertà con il diritto di contagiare colleghi e familiari e mettere a rischio la ripresa economica del Paese mi indigna”.

De Luca sul focolaio nella scuola di Qualiano

Non usa mezzi termini dunque il presidente della Regione Campania, da sempre contrario a tutti coloro che non vogliono vaccinarsi. De Luca lo testimonia anche sottolineando che nel territorio da lui amministrato il tampone gratuito per i no vax non verrà concesso a nessuno, in quanto la Regione è “per vaccinare tutti”.

De Luca commenta il focolaio nella scuola di Qualiano

“Questo – ha scritto in seguito De Luca su Facebook riferendosi sempre alla vicenda della scuola di Qualiano – è un esempio drammaticamente lampante di cosa può succedere in presenza di genitori irresponsabili che mettono a grave rischio la salute dei propri figli, e contestualmente quella degli altri alunni che frequentano la scuola, e di intere famiglie. È questo l’atteggiamento irresponsabile e incivile di chi si ostina ancora a non vaccinarsi. E magari pretende che sia lo Stato a pagargli i tamponi. Vaccinarsi tutti!”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli