Le parole del consigliere del ministro della Salute

·2 minuto per la lettura
Covid Ricciardi Draghi limiti mobilità
Covid Ricciardi Draghi limiti mobilità

Il professor Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, è tornato a chiedere che vengano prese delle misure più stringenti per stoppare la circolazione del covid in Italia. Il teatro del suo ultimo appello è lo studio di Di Martedì su La7 dove il professore di igiene all’Università Cattolica di Roma ha sostanzialmente chiesto al nascente governo di Mario Draghi di tornare a porre dei limiti alla mobilità delle persone. La data più probabile sarebbe quella del 18 febbraio.

Covid, Ricciardi: “Draghi limiti la mobilità”

“Draghi – ha detto Ricciardi – dovrebbe fare quello che il governo non ha fatto nella seconda fase. In questo momento dobbiamo limitare la mobilità, siamo l’unico Paese che non è in lockdown. In Gran Bretagna c’è da tre mesi, Germania da due. E sono d’accordo a estenderlo per un altro mese”. Una linea di pensiero ben chiara quella del consigliere del ministero della Salute che potrà ora trovare conferma o meno nell’operato del nuovo esecutivo.

“Nella prima fase – ha aggiunto il professore – il governo italiano è stato impeccabile ma poi nella seconda fase, quella della convivenza con il virus, ha dilapidato tutto, compresi i sacrifici degli italiani. Abbiamo capito che sono i governi che fanno la differenza nella pandemia: in Asia e nel Pacifico hanno scelto una strada ignorata dai governi dell’Europa, ovvero quella dell’eliminazione del virus”. L’Italia dunque, così come tutta l’Europa, non avrebbe fatto abbastanza fin qui per provare a fermare la pandemia, preferendo la strada, di sicuro meno dispendiosa, della convivenza forzata in attesa di vaccinare tutta la popolazione. “Serve l’eliminazione del Covid – conclude Ricciardi – altrimenti continueremo a inseguirlo. Ci dobbiamo sbrigare con le vaccinazioni ma il vaccino non basta con questa circolazione”.