Le parole del direttore della clinica malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova

·1 minuto per la lettura
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Matteo Bassetti, direttore della clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, ha spiegato che l’aumento dei contagi non deve allarmare.

Covid, Bassetti: “La situazione è diversa rispetto allo scorso anno”

Matteo Bassetti, direttore della clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, ha spiegato che l’incremento dei contagi è “fisiologico, ma non preoccupante. Visto anche l’aumento dei tamponi per l’ottenimento del Green pass da parte dei lavoratori“. “La situazione è completamente diversa rispetto allo scorso anno, c’è un aumento minimo dei ricoveri, ma per ora siamo su un un plateau di ospedalizzazione assolutamente accettabile. E anche le terapie intensive non stanno crescendo, questo grazie alle vaccinazioni” ha spiegato il medico. Nonostante l’apertura delle scuole e delle attività, comprese discoteche e stadi, rispetto allo scorso anno la situazione appare diversa e non c’è stato un incremento significativo di contagi e ricoveri. “Lo scorso fine ottobre i ricoveri erano 20 volte superiori, ma anche a inizio agosto erano superiori per l’ondatina estiva rispetto a ora. Noi rispetto ad altri Paesi siamo andati con i piedi di piombo, e abbiamo l’85% di popolazione vaccinata. Insieme a Spagna e Portogallo siamo forse il Paese meglio messo in Europa” ha aggiunto Bassetti.

Covid, Bassetti: “Fare un report settimanale sarebbe meglio”

Matteo Bassetti ha proposto lo stop del report giornaliero su contagi e ricoveri. “Sarebbe meglio metterlo da parte, sembra quasi che ci si aspetti che le cose vadano male. Fare un report settimanale sarebbe meglio” ha dichiarato. La svolta arriverà anche con la nuova terapia, ovvero il Molnupiravir. Si tratta di un antivirale al vaglio dell’Ema, l’agenzia europea del farmaco. Il San Martino è stato tra i primi ospedali a richiedere la cura. “È un farmaco in pasticca che, insieme agli anticorpi Monoclonali, permetterà la cura dei pazienti a domicilio” ha aggiunto il medico.

Covid, Bassetti: “Avere un vaccino per i bambini è una buona notizia”

Avere un vaccino anti-Covid approvato nella fascia 5-11 anni è una buona notizia e speriamo che anche l’Ema e poi l’Aifa lo approvi. Il vaccino nella fascia 5-11 anni ci permetterà di mettere in sicurezza le scuole elementari e una parte delle medie. Inoltre il vaccino ci eviterà le complicazioni della malattia, che seppure inferiori rispetto agli adulti, possono comunque esserci. Va ricordato poi che le pericarditi e le miocarditi nel bambino sono 30 volte superiori a quelle che si possono avere dopo il vaccino. Infine, la variante Delta può colpire in modo diffuso e non possiamo dire con certezza che non si infetteranno anche i bambini” ha dichiarato Matteo Bassetti. “Per i genitori sarà una scelta libera ma tutte le società scientifiche di pediatria e di malattie infettive consigliano la vaccinazione per i bambini più piccoli” ha aggiunto il medico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli