Le parole del direttore della Clinica di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

·1 minuto per la lettura
Bassetti Draghi al Quirinale
Bassetti Draghi al Quirinale

ll direttore della Clinica di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti, nel corso dell’ultima puntata di Stasera Italia su Rete4, ha reso pubblico il proprio apprezzamento e la propria stima nei confronti del Presidente del Consiglio Mario Draghi, esaltandone la gestione della pandemia fin qui adottata e sperando che non sia lui la scelta parlamentare per il Quirinale.

Bassetti su Draghi al Quirinale

“Ho apprezzato tantissimo il protagonismo del Presidente nella gestione della pandemia – ha detto Bassetti – Noi medici non possiamo fare a meno di un capitano come Draghi. La scelta finale l’ha sempre presa lui, c’ha sempre messo la faccia”. Questo avrebbe aiutato l’Italia per il medico, permettendole di trovarsi al momento in una situazione migliore rispetto ad altri paesi.

Bassetti e l’ipotesi Draghi al Quirinale

“Non posso pensare che nel 2022 – ha proseguito il medico genovese – quando ancora avremo bisogno di una persona con la sua personalità, potremmo non averlo come Presidente del Consiglio”. Il rifermento in tal senso è alla possibilità che l’anno venturo Draghi decida di sfruttare la sua ampia maggioranza in Parlamento per andare al Quirinale e dunque lasciare la carica alla guida dell’esecutivo.

Bassetti dice no a Draghi al Quirinale

Infine, incalzato dalla conduttrice del programma, Barbara Palombelli, Bassetti ha detto la sua sul progetto di Giorgia Meloni che al colle più alto di Roma vorrebbe un patriota. “Un patriota – ha detto il direttore del San Martino di Genova – deve essere una persona che ama l’Italia e che la sa fare amare. Il concetto di vicinanza al nostro Paese è importante. Deve essere un italiano e deve amare l’Italia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli