Le parole del direttore generale Antonio D'Amore

·1 minuto per la lettura
covid asl napoli scuole
covid asl napoli scuole

Antonio D’Amore, direttore generale dell’ASL Napoli 2 Nord, ha detto la sua sull’emergenza covid nel capoluogo campano soffermandosi in particolar modo sulle scuole, chiuse ormai da più di un mese in Campania. D’Amore, estrapolando quanto detto a Radio CRC, ritiene prematura la possibilità di riaprirle a stretto giro, in quanto al momento non sarebbe possibile dichiarare che il peggio sia stato messo alle spalle. Riferisce di dati in miglioramento, anche grazie alle misure prese, ma si sarebbe solo all’inizio di questo processo di inversione della curva. Parole, quelle del direttore generale dell’ASL Napoli 2 Nord, in forte contrasto con le volontà della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ma concordi con l’atteggiamento assunto dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Covid, la Asl Napoli 2 sulla scuole

Nell’area di competenza di D’Amore i contagi sembrano essere in calo, ma questo non appare al momento un dato che da solo possa permettere di fare un passo indietro rispetto alle decisioni prese. Resta infatti costante la pressione sul tessuto ospedaliero ed è bene dunque ponderare bene ogni possibile scelta, tra cui appunto quella di riaprire le scuole.

Antonio D’Amore, intervenendo su Radio CRC, ha inoltre specificato: “Gli effetti delle restrizioni si vedono dopo 15 giorni, quindi non so se possiamo permetterci di allentarle. Al momento è prematuro riaprire le scuole, la zona rossa è in vigore da appena sei giorni, troppo presto per vederne i frutti”. “Inoltre – ricorda il capo della Asl Napoli 2 Nord – con la sindrome influenzale stagionale le classi erano decimate perché c’era un alto tasso contagio”.