Le parole del primario di Infettivologia del Policlinico Tor Vergata di Roma

·1 minuto per la lettura
Andreoni festeggiamenti Italia Inghilterra
Andreoni festeggiamenti Italia Inghilterra

L’Italia del calcio ha alzato la coppa europea a Wembley dopo una lunga partita e un’altrattanto lunga traversata, passata attraverso il girone e la fase ad eliminazione diretta. Mai però fino a questo momento vedendo la partita c’era stata la sensazione di uno stadio pieno. Ieri a Wembley erano in tanti, senza mascherina e distanziamento sociale. Nelle piazze italiane dopo la vittoria non è andata meglio, con molti assembramenti e un pericolo di crescita dei contagi che preoccupa. Il monito in tal senso arriva dalla comunità scientifica, dal professor Massimo Andreoni nello specifico, che specifica come i festeggiamenti per Italia-Inghilterra rappresentino l’apoteosi della trasmissione del virus.

Andreoni sui festeggiamenti per Italia-Inghilterra

Il primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma si è così espresso al Messaggero: “La vittoria degli Europei è un evento fantastico, ma è certo che quello che si è visto nelle piazze con i festeggiamenti è l’apoteosi della trasmissione del virus. La cosa migliore per aumentare la sua trasmissibilità“. Per il direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) l’Italia accuserà dunque il colpo di queste piazze piene e dei caroselli.

Festeggiamenti Italia-Inghilterra, le parole di Andreoni

C’è’ una realtà epidemiologica con cui dobbiamo fare i conti – ammette con grande franchezza Andreoni – L’aumento dei contagi e i rischi della variante Delta sono sotto gli occhi di tutto. Ci sono focolai anche in Italia e tutto lascia intendere che questa variante stia diventando dominate con grande velocità”.

Andreoni commenta i festeggiamenti per Italia-Inghilterra

Il rischio è dunque quello di aver aiutato la variante Delta ad aumentare la sua diffusione in Europa e in Italia, con il nostro paese che potrebbe presto rivedere comparire le zone gialle. “Quelli che sono gli interventi da fare rimangono sempre gli stessi – precisa Andreoni – se aumentano i casi si arriverà alle zone gialle, poi arancioni e rosse. Il sistema dei colori non è mai cambiato. Quello che dovrebbe emergere in maniera fortissima è che occorre raggiungere questa benedetta immunità di gregge. Se ci riusciamo – conclude Andreoni – possiamo anche pensare, al limite, di lasciare circolare il virus”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli