Le parole del professore dell'Istituto Mario Negri

·1 minuto per la lettura
Giuseppe Remuzzi
Giuseppe Remuzzi

Il vaccino contro il Covid è una speranza per la popolazione, ma la domanda che sorge spontanea è: il vaccino estinguerà il virus? La risposta l’ha data il professor Giuseppe Remuzzi, dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, in un’intervista al Corriere della Sera.

Remuzzi sul vaccino anti-Covid

No, ed è meglio dirlo con chiarezza. Tutti i vaccini in dirittura d’arrivo, a cominciare da quello della Pfizer, non sopprimeranno il coronavirus” ha risposto Giuseppe Remuzzi. Secondo lui gli immunizzanti “saranno più simili ai vaccini antinfluenzali che a quello della Polio” e di conseguenza proteggeranno dalla malattia, ma non saranno in grado di farla sparire. “Si può dire con ragionevole certezza che questi vaccini garantiranno una immunizzazione di massa, e che nel giro di qualche anno la maggior parte degli abitanti della terra avrà la sua dose” ha aggiunto il professore.

Pfizer garantisce che funziona sul 90% delle persone testate, e ci basterebbe il 50% per essere contenti. Ma non dobbiamo illudere la gente: che sia un vaccino e che funzioni, non significa che ce ne sia per tutti. E soprattutto non è certo venuto il momento di gettare via mascherine e precauzioni” ha sottolineato Remuzzi, cercando di chiarire quello che accadrà dopo l’arrivo del vaccino.”Qualcuno dovrebbe riconoscere che il modo più veloce per rendere fruibile a tutti il vaccino sarebbe quello di togliere da subito il brevetto. E purtroppo sono abbastanza sicuro che questo non accadrà” ha aggiunto il professore dell’Istituto Mario Negri. Il vaccino, quindi, sarà utile per proteggere le persone dal Coronavirus, ma non riuscirà a far sparire completamente il virus.