Le parole del virologo e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano

·1 minuto per la lettura
Riaperture Pregliasco rischio oggettivo
Riaperture Pregliasco rischio oggettivo

Il virologo dell’università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, ha parlato delle imminenti riapeture previste in Italia affermando che il rischio oggettivo che i contagi possano riprende c’è ed è molto elevato. “Questa decisione – ha detto Pregliasco nel corso del suo intervento ad Agorà su Rai3 – sicuramente potrà avere un prezzo da pagare e questo è oggettivo”.

Pregliasco: “Riaperture? Rischio oggettivo”

“Dal punto di vista della sanità pubblica, dal punto di vista scientifico – ha spiegeto il virologo – il rischio dovrebbe tendere a zero, quindi dovrebbe comprendere in questo momento un lockdown stretto, strettissimo e prolungato“. È lo stesso Pregliasco però a riconoscere che in questo momento non sia più possibile muoversi in tal senso e dunque si vada verso quel rischio calcolato di cui aveva parlato il Presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa.

“Il sistema dei colori – ha proseguito Pregliasco – ha mitigato la velocità con cui la malattia si è diffusa. Non si è riusciti a ottenere una riduzione dell’incidenza sotto livelli tali da permetterci un tracciamento, però ha reso meno pesante l’impatto sul Servizio sanitario nazionale. Io credo che un rischio c’è – ha aggiunto il direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi di Milano – è oggettivo e dipenderà da tante cose: in primis dalla velocità con cui la vaccinazione potrà progredire e dalla responsabilità di ognuno di noi”.