Le parole della pediatra per non sottovalutare i numeri tra i più piccoli

·2 minuto per la lettura
covid da dalt casi bambini
covid da dalt casi bambini

La dottoressa Liviana Da Dalt, direttore del Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino e del pronto soccorso pediatrico dell’Azienda Ospedaliera universitaria di Padova, ha lanciato un allarme per far comprendere la gravità della situazione covid-19 nel suo territorio dove, purtroppo, si registrano molti casi di bambini contagiati. Nello specifico a Padova i ricoveri di bambini sono saliti a 6 nel corso delle ultime settimane a fronte dei 7 ricoveri totali e degli undici positivi che erano stati rilevati la scorsa primavera durante la prima ondata. Il loro quadro clinico per fortuna rimane non severo, ma, come sottolineato dalla Da Dalt, il moltiplicarsi dei casi di coronavirus tra bimbi e ragazzini ci deve preoccupare“.

Covid, Da Dalt: “Troppi casi tra i bambini”

Come accennato in precedenza, il quadro clinico dei bambini, anche in caso di ricovero, non è mai fin qui stato preoccupante nel nosocomio di Padova, ma il problema potrebbe crearsi qualora questo trend tra i minori dovesse continuare a crescere. “Attualmente – riferisce la Da Dalt al Mattino di Padova i ricoveri sono tre ma in poche settimane ne abbiamo fatti sei ed è un numero che qualche pensiero lo mette”. “Come già avevamo potuto riscontrare durante la prima ondata di Covid 19 – ha aggiunto la pediatra – per lo più nei bambini il virus non sviluppa una infiammazione grave e questo in qualche modo ci conforta. Certo che davanti a questi numeri non possiamo non preoccuparci”.

Il suo è dunque un monito a controllare la situazione e a non trascurarla visto anche che con le scuole aperte è senza dubbio più difficile proteggere i bambini rispetto alla prima ondata, quando tutti erano a casa. Attenzione poi anche alla capacità ricettiva dei nosocomi per i bambini malati covid. Non tutti sarebbero pronti e organizzati per una corretta gestione dell’emergenza. In tal senso la Da Dalt rassicura i cittadini padovani affermando che “la Clinica pediatrica ha allestito anche dei gazebo e dei container di fronte al Pronto soccorso pediatrico per effettuare tamponi ai bambini”.