Le parole di Maria Giovanna Maglie

·1 minuto per la lettura
Maria Giovanna Maglie
Maria Giovanna Maglie

Maria Giovanna Maglie, a Controcorrente, parlando dell’allarme Oms, ha chiesto una spiegazione sul motivo per cui aumentano i casi positivi.

Covid, Maria Giovanna Maglie: “Mi sento parte di quella minoranza che non vuole essere ascoltata”

Sabato 20 novembre a Controcorrente, programma di Rete4 condotto da Veronica Gentili, si è parlato dell’ultimo allarme dell’Oms, che ha parlato di possibili 500mila morti entro marzo in Europa. Una previsione che non ha impressionato Maria Giovanna Maglie, ospite in collegamento. “Mi sento parte di quella minoranza che non vuole essere ascoltata” ha dichiarato la giornalista, che vorrebbe l’Oms “sul banco degli imputati” per la gestione della prima fase della pandemia, e non solo. Secondo la Maglie sono state fatte delle scelte discutibili come “aver appoggiato le censure della Cina comunista sull’origine del Covid“. “Dopo un’inchiesta rigorosa la ascolterò” ha aggiunto.

Covid, Maria Giovanna Maglie: “Il problema dei politici è di coraggio”

Le ipotesi di lockdown per i non vaccinati e di Super Green pass sono misure al vaglio del governo e sono particolarmente volute dalle Regioni del Nord. “Il problema di politici è di coraggio, e parlo di dei governatori del centrodestra” ha attaccato Maria Giovanna Maglie. La giornalista ha voluto parlare dei vari presidenti di Regione che in questo periodo stanno insistendo sulle restrizioni per i non vaccinati. “Luca Zaia è il più moderato, Fedriga ha il guaio di essere tirato dalla giacchetta da tutti. Poi c’è Giovanni Toti che è da sempre un talebano delle restrizioni, ci deve essere qualcosa in Liguria” ha dichiarato la Maglie, aggiungendo che Fontana, della Lombardia, si accoda agli altri.

Covid, Maria Giovanna Maglie: “Sul Friuli Venezia Giulia si sono raccontate balle”

Sul Friuli Venezia Giulia si sono raccontate balle” ha dichiarato Maria Giovanna Maglie. Le manifestazioni di Triestre non sono collegato all’aumento dei contagi, ma pesa più che altro il fatto di essere al confine, secondo la giornalista. “Solo ora si parla del ruolo dei transfrontalieri” ha attaccato. Da parte del governo c’è stata “poca verità e poca trasparenza” sul fatto che il vaccino non copre come previsto. “Qualcuno mi dovrebbe spiegare perché, quando è iniziata la campagna di comunicazione, dicevano: guardate come calano i contagi. Ora che ci sono svariati milioni di italiani vaccinati, dovrebbero spiegare perché succede” ha aggiunto la giornalista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli