Le parole di vicinanza del cantautore all'ex re dei paparazzi

·2 minuto per la lettura
Lettera Celentano Corona
Lettera Celentano Corona

La vicenda dell’arresto di Fabrizio Corona, con le annesse modalità con cui la stessa è avvenuta, ha dato vita ad un grande discussione mediatica, tornando a dividere gli italiani tra chi è fortemente critico nei confronti dell’ex paparazzo e chi invece ritiene che sia un personaggio ingiustamente perseguitato. In questo dibattito è entrato è anche Adriano Celentano che ha scritto una lettera indirizzata proprio a Corona nella quale parla di “punizione spropositata” riferendosi alla condanna di 14 anni che gli è stata inflitta dal Tribunale di Milano.

La lettere di Celentano a Corona

“Caro Fabrizio – scrive Celentano nella missiva poi pubblicata su Instagram – anch’io, come chiunque abbia potuto vedere la scena straziante trasmessa da Giletti, sono rimasto profondamente colpito nel vedere il dolore e la disperazione di una madre che, aggrappata alla tua giacca, piangeva e ti supplicava di stare calmo. Un dolore così grande che pareva uscire dallo schermo – aggiunge il cantautore – quasi come a sciogliere una LACRIMA di chissà quanta gente ti stava guardando. E mentre anch’io, a fatica, cercavo di fermare la mia, di lacrima, tutto ad un tratto, come un fulmine a ciel sereno, il mio pensiero si è fermato su di te. Sulla tua persona… tu hai fatto tante STRON*ATE nella vita, la più grossa e direi la più PERICOLOSA, è quella di aver indotto i GIUDICI a darti una punizione SPROPOSITATA. Con la scusa di sommare le tue colossali CA**ATE, cioè ogni ca**ata una funzione, ti hanno dato 14 anni di prigione”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il pensiero di Celentano è sintetizzabile in quella che lo stesso definisce “la grande INGIUSTIZIA della giustizia italiana” che condanna a 14 anni Fabrizio Corona equiparando i suoi errori di vita “a chi uccide una persona”. “Non si contano i casi di individui – specifica Celentano – che hanno assassinato una o più persone e, solo dopo 5 o 6 anni di buona condotta, escono di prigione”.

Nell’ultima parte della sua missiva Celentano manda un pensiero di affetto e solidarietà alla mamma di Corona e al figlio, Carlos, che per crescere “dovrà necessariamente partire” dal padre. “Solo tu puoi aggiustare il sentiero – dice il cantautore all’ex paparazzo – non solo della tua vita, ma quella di tutte quelle persone che aspettano un tuo segnale, comprese le migliaia di persone che ti seguono su Internet. Io ho un’idea!!!”