Le Pen: "Meloni e Salvini devono unirsi. Dobbiamo lavorare insieme in Europa"

·2 minuto per la lettura
French far-right party Rassemblement National (RN) leader and candidate for the 2022 French presidential election Marine Le Pen, speaks to the press as she unveils her campaign headquarters in the 16th arrondissement of Paris, on November 15, 2021. (Photo by Christophe ARCHAMBAULT / AFP) (Photo by CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP via Getty Images) (Photo: CHRISTOPHE ARCHAMBAULT via Getty Images)
French far-right party Rassemblement National (RN) leader and candidate for the 2022 French presidential election Marine Le Pen, speaks to the press as she unveils her campaign headquarters in the 16th arrondissement of Paris, on November 15, 2021. (Photo by Christophe ARCHAMBAULT / AFP) (Photo by CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP via Getty Images) (Photo: CHRISTOPHE ARCHAMBAULT via Getty Images)

“Conosco Giorgia Meloni da molto tempo, da quando non aveva ancora la dimensione che ha preso oggi. Dunque, capisco bene che possa trovarsi in una forma di competizione, con Matteo (Salvini ndr.). Ma dobbiamo riunirci, essere l’avanguardia della rifondazione europea”. Sono le parole della presidente del Rassemblement National Marine Le Pen, in un’intervista al Corriere della Sera. “So che è così per Matteo, non so se è ancora così per Giorgia, ma bisogna che ognuno accetti di lavorare assieme in Europa. Può essere complicato specie in Italia, si è assieme poi non lo si è più, ma a livello europeo occorre che queste rivalità vengano messe da parte” continua Le Pen.

Se vincerà alle presidenziali francesi in programma in primavera la presidente del Rassemblement ha affermato che andrà a Bruxelles “a ristabilire la sovranità delle nazioni”. “Stiamo allargando lo spettro delle forze politiche che hanno una visione comune su questi temi, come è già il caso di Matteo Salvini in Italia. Non vogliamo rimpiazzare il modello unico attuale con un altro modello unico uguale per tutti. Ogni nazione potrà prendere scelte autonome e riavrà la sua libertà” sottolinea. Gli altri provvedimenti, se dovesse entrare all’Eliseo, saranno “subito un referendum sull’immigrazione, con una modifica della Costituzione per garantire la primazia del diritto francese su quello internazionale”. Poi, seconda priorità, il potere d’acquisto.“I francesi sono schiacciati dalle spese obbligate, dalle bollette e dal pieno di benzina e io farò abbassare l’Iva sull’energia dal 20% al 5,5%” spiega Le Pen.

Quanto allo sfidante ‘a destra’ Eric Zemmour, per Marine Le Pen “aggiunge solo brutalità e provocazioni alla nostra visione. Non offre soluzioni ma polemiche, e la gente si sta già stancando”. “Paradossalmente” la sua presenza “gioca a mio favore”, continua Le Pen, “perché grazie a Zemmour i francesi stanno capendo che le mie posizioni sono ragionevoli, anche se ferme”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli