Le possibili riaperture a metà aprile

·1 minuto per la lettura
Attività aperte dal 20 aprile
Attività aperte dal 20 aprile

In settimana i governatori delle regioni e il Premier Draghi si riuniranno per pianificare la ripresa delle attività commerciali. Alcune di esse potrebbero riaprire già dal 20 aprile, prima della scadenza naturale del decreto attualmente in vigore: si tratterebbe di bar, ristoranti, cinema e teatri, ma anche parrucchieri e centri estetici in zona rossa e a seguire palestre e piscine. Per il momento si tratta comunque di ipotesi da valutare in base all’evoluzione della situazione epidemiologica.

Possibili attività aperte dal 20 aprile

Una delle ipotesi potrebbe essere quella di riaprire bar e ristoranti a pranzo, con una valutazione rispetto alla chiusura prima o dopo le 18 e al permesso o meno di fare aperitivi. I luoghi della cultura potrebbero riaprire con le regole che erano già state previste per il 27 marzo nelle zone meno colpite. A ciò si aggiunge la possibilità che barbieri, centri estetici e parrucchieri riaprano anche nelle regioni in fascia rossa come era già qualche settimana fa.

Ancora da valutare poi la possibile istituzione di zone gialle in deroga a quelle rosse e arancioni.Il decreto prevede infatti che in ragione dell’andamento dell’epidemia nonché dello stato di attuazione del Piano strategico nazionale dei vaccini sono possibili determinazioni in deroga al primo periodo e possono essere modificate le misure stabilite dal provvedimento.

Se da una parte ci sono ancora diverse regioni le cui terapie intensive occupate superano la soglia critica, in altre aree la curva dei contagi sembra infatti appiattirsi. A decidere sulla possibilità di rendere giallo un territorio dovrà essere il Consiglio dei Ministri.