Le priorità della Repubblica Ceca alla guida del Consiglio dell'UE

La Repubblica Ceca ha ufficialmente assunto la guida del Consiglio dell'Unione Europea venerdì 1° luglio. Lo slogan del governo di Praga è "L'Europa come compito: ripensare, ricostruire, ripotenziare".

Tra le principali priorità ci saranno la gestione della crisi migratoria provocata dalla guerra in Ucraina, la necessità di abbandonare i combustibili fossili russi, la lotta alla disinformazione e la difesa dei valori democratici.

"Possiamo dire che il mondo non sarà più lo stesso dopo l'aggressione della Russia", ha dichiarato il mese scorso il primo ministro ceco Petr Fiala presentando il programma. "Vogliamo svolgere un ruolo attivo e riscrivere il futuro dell'Europa", ha aggiunto Fiala.

La presidenza del Consiglio dell'Unione europea, che è uno dei due organi legislatori dell'Ue, viene assunta a turno per sei mesi ogni volta da un Paese diverso tra i 27 Stati membri. La Repubblica Ceca prenderà il posto della Francia, che ha terminato il suo semestre il 30 giugo, e sarà seguita dalla Svezia, che guiderà i lavori del Consiglio dal 1° gennaio 2023.

Lo Stato che presiede il Consiglio stabilisce l'agenda delle riunioni ministeriali, agisce come mediatore durante i negoziati e rappresenta la posizione concordata dai 27 Stati membri dell'Ue davanti alla Commissione europea e al Parlamento europeo.

Le capacità di mediazione di Praga saranno sicuramente messe alla prova quando si tratterà di chiedere agli altri partner europei di fare maggiori passi in avanti nel campo trasformazione sul clima e sul digitale, e di proporre soluzioni efficaci per contenere l'inflazione da record registrata a causa della guerra in Ucraina.

Guardate il video qui sopra per scoprire le priorità ceche per la presidenza del Consiglio dell'UE.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli