Lavoro: 2,5 milioni di nuovi occupati nel 2022. "Growth Hacker" e "Cloud Architect", i lavori del futuro

Ilaria Betti
·.
·1 minuto per la lettura
Getty (Photo: Getty)
Getty (Photo: Getty)

Quali saranno le professioni più richieste nel 2022? Un ebook intitolato “I lavori del futuro” e realizzato da Alteredu, piattaforma che offre corsi online certificati, ha provato a rispondere al quesito che molti studenti e lavoratori che hanno perso la rotta si stanno ponendo. Stando allo studio, basato sulle proiezioni del rapporto Excelsior, confezionato da Unioncamere e Anpal, da qui al 2022 saranno richiesti 2,5 milioni di nuovi occupati, fra dipendenti e autonomi, e oltre il 70% di questa forza lavoro dovrà possedere competenze elevate per ricoprire mansioni specialistiche e tecniche.

Intelligenza artificiale e automazione industriale saranno alcuni dei campi da tenere d’occhio. Insieme al digitale: stando al report, le imprese digitali cercheranno tra i 210mila e 267mila lavoratori con competenze matematiche e informatiche per i lavori digitali, e quindi esperti nell’analisi dei dati (data scientist) e nel campo della sicurezza informatica e dell’intelligenza artificiale. Quanto ai cosiddetti “green jobs”, ovvero tutte quelle attività che ricadono nell’ambito dell’economia circolare, variano da 480mila a 600mila unità i lavoratori che saranno ricercati dalle imprese per orientare i propri processi produttivi. Emergono nel frattempo nuove professioni: quello del private banker, ad esempio, sarà uno dei profili più richiesi nel mondo della finanza entro il 2023, oppure il Data Protection Officer, figura professionale nata di recente (in seguito al varo della normativa europea Gdpr per la protezione dei dati personali) che dovrà sviluppare nuove competenze per poter seguire al meglio l’azienda per cui lavora.

Dal manager della felicità allo UX Designer: ecco una serie di figure professionali che potrebbero imporsi sullo scenario lavorativo nei prossimi anni.

Chief Happiness Officer o Manager della felicità

I manager della felicit&agra...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.