Le scimmie cambiano accento per "parlare" con le altre specie

·1 minuto per la lettura

AGI - Alcune specie di saguini, delle scimmie endemiche della foresta pluviale amazzonica, possono modificare alcune vocalizzazioni quando condividono lo spazio vitale con i loro simili.

A rivelarlo uno studio, pubblicato sulla rivista Behavioral Ecology and Sociobiology, condotto dagli scienziati dell'Università di Cambridge e dell'Istituto nazionale di ricerca amazzonica di Manaus, in Brasile, che hanno analizzato i saguinus midas e saguinus bicolor.

Il team, guidato da Jacob Dunn dell'Università di Cambridge, ha scoperto che i saguini midas potevano modificare i richiami, rendendoli più simili a quelli tipici dell'altra specie, per avvisare i propri simili dei confini territoriali.

Gli scienziati hanno registrato le vocalizzazioni delle specie in 15 siti, distinguendo i suoni emessi negli habitat sovrapposti e in quelli in cui viveva una sola specie. "I richiami dei saguinus midas - spiega Dunn - coprono una gamma di frequenze più ampia. Abbiamo scoperto che, mentre i saguinus bicolor non modificavano le loro emissioni vocali, i saguinus midas riuscivano a trasmettere lo stesso messaggio ma in modo leggermente diverso quando si trovavano in un ambiente occupato dall'altra specie".

"La convergenza dei richiami animali è stata già documentata in alcuni uccelli che condividono habitat - osserva Tainara Sobroza dell'Istituto nazionale di ricerca amazzonica di Manaus - ma questa è la prima volta che osserviamo un comportamento del genere tra i primati".