Le sconcertanti immagini e l’amaro commento diffusi da uno degli inquilini scampati al disastro

·2 minuto per la lettura
I finghi cresciuti nelle abitazioni
I finghi cresciuti nelle abitazioni

Sconcerto ad Arquata del Tronto, funghi nelle case dei terremotati e denuncia sui social con la pubblicazione di quelle immagini e con l’amaro commento. Commento diffuso da uno degli inquilini scampati al disastro ma non all’amarezza di constatare che i lavori sono stati condotti in maniera superficiale. Il post del signor Caro Cappelli parla chiaro: in alcune casette destinate ai terremotati a Borgo sono spuntati i funghi e quella denuncia è arrivata su Facebook ed è stata ripresa dal Resto del Carlino.

Crescono i funghi nelle case dei terremotati: l’amarezza social di un inquilino

Ecco osa scrive il povero terremotato a metà fra sarcasmo ed amarezza assoluta: “Quest’anno ci sarà la sagra del fungo SAE (sta per Soluzioni abitative di Emergenza – ndr) Per chi dubitava che fosse un fotomontaggio! Se qualcuno vuole farci la pasta li lascio fino a stasera venite a prenderveli che io ho il congelatore pieno!”.

Quasi cinque anni dopo il sisma ci sono funghi nelle case dei terremotati

In quelle abitazioni ci sono persone costrette a vivere da ormai da quasi cinque anni nelle soluzioni abitative di emergenza erette dopo il sisma, solo che umidità innescata dal maltempo e dal troppo tempo trascorso dagli interventi provvisori e muffe incentivate da lavori non proprio eccelsi hanno prodotto quel risultato “micologico”.

Il commento dei sindaco Franchi su quei funghi spuntati nelle case dei terremotati

E il sindaco del comune in provincia di Ascoli Piceno, Michele Franchi, ha voluto dire la sua: “È assurdo che i nostri concittadini debbano subire ulteriori disagi dopo i problemi causati dal sisma di cinque anni fa. Il terreno di Borgo, purtroppo, è molto umido e la nascita di questi funghi, evidentemente, dimostra che qualche lavoro non è stato fatto proprio nel migliore dei modi”. Poi la chiosa: “Sono pochi casi, sinceramente, ma sono decisamente molto gravi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli