Le scuole valdostane potrebbero essere chiuse

·2 minuto per la lettura
Scuola
Scuola

L’ipotesi di chiusura totale delle scuole in Valle D’Aosta potrebbe presto essere concretizzata. Tutto sarà deciso in data 17 novembre sul tavolo della giunta regionale. Presso la regione si registra la più alta incidenza di contagi ed è in zona rossa dallo scorso 6 novembre. L’assessore Luciano Caveri ha presentato il dossier, che risulta già essere stato analizzato in data 16 novembre e ritornerà il 17 del mese affinché l’esecutivo regionale prende una decisione sul da farsi. Vi sono giò stati diversi incontri con i sindacati e i dirigenti scolastici. Si parla, inoltre, di una campagna di test Covid rapidi nei confronti dei docenti valdostani.

Situazione difficile in Valle D’Aosta

In Val D’Aosta, su un totale di 17 mila studenti, 74 ne risultano positivi, mentre 729 sono in isolamento. Sono 51 gli insegnanti contagiati di cui 216 in quarantena. Di recente presso la regione alpina sono state chiuse due scuole primarie nei comuni di Aosta e di Challand Saint Victory. Disposta la quarantena per gli studenti.

Più di cento vittime in 25 giorni

Il bilancio della seconda ondata di Covid-19 in Valle D’Aosta è impietoso: più di 100 morti in 25 giorni. Non a caso la regione del Nord-Italia risulta essere quella con più alto numero di decessi. Come informa l’ultimo bollettino dell’Unità di crisi, i morti, fin da inizio pandemia, sono 248. Il coordinatore sanitario dell’Unità di crisi, Luca Montagnani, ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da La Stampa: “In questa fase ci sono stati molti più casi positivi e quindi molti più decessi. L’indice Rt resta stabile intorno all’1.5, la situazione non è buona, i numeri devono stabilizzarsi per poter vedere l’inizio della discesa”.