Le somiglianze tra la proteina Spike del vaccino e quella del virus

Valentina Arcovio
·2 minuto per la lettura

AGI - La proteina Spike è la "chiave" con cui il virus entra nelle cellule per infettarle. Ora, per la prima volta. sono state confrontate le immagini delle proteine Spike che si sviluppano sulla superficie delle cellule esposte al vaccino Oxford-AstraZeneca con quelle delle proteine Spike del coronavirus SARS-CoV-19. Ebbene, queste immagini mostrano che le proteine Spike sono molto simili a quelle del virus e supportano l'adenovirus modificato utilizzato nel vaccino come piattaforma per combattere Covid-19.

Gli autori dello studio sono un gruppo di ricercatori dell'Università di Oxford e dell'Università di Southampton. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ACS Central Science. Il virus SARS-CoV-2 ha un gran numero di proteine Spike che sporgono dalla sua superficie, che vengono utilizzate per attaccarsi alle cellule del corpo umano e quindi per penetrarle.

Queste proteine sono rivestite di zuccheri, noti come glicani, che nascondono parti delle proteine ​​virali al sistema immunitario umano. Il vaccino sviluppato dall'Università di Oxford e da AstraZeneca è un vaccino a vettore di adenovirus, che comporta l'utilizzo di una versione sicura di un virus e l'aggiunta di informazioni riguardo a un agente patogeno, in questo caso la proteina Spike di SAR-CoV-2, per consentire al sistema immunitario di produrre anticorpi neutralizzanti contro quel bersaglio.

Nel nuovo studio gli scienziati hanno lavorato per caratterizzare le proteine Spike di SARS-CoV-2 prodotte dalle cellule grazie al vaccino Oxford-AstraZeneca. I ricercatori hanno quindi esposto una serie di cellule in vitro al vaccino Oxford-AstraZeneca.

Utilizzando una tecnica di imaging nota come microscopia crioelettronica (cryoEM), hanno acquisito migliaia di immagini che hanno poi combinato per creare un'immagine chiara delle proteine Spike risultanti sulle cellule. "CryoEM è una tecnica immensamente potente che ci ha permesso di visualizzare la densa serie di Spike prodotte e presentate sulla superficie delle cellule", dice Peijun Zhang dell'Università di Oxford, autore dello studio.

Ulteriori analisi chimiche dei glicani delle Spike "del vaccino" hanno rivelato che hanno un'alta somiglianza con quelli che circondano le Spike di SARS-CoV-2. Questa è una caratteristica essenziale del vaccino in quanto significa che fornisce "sosia" del coronavirus che sono importanti per innescare la risposta immunitaria necessaria per proteggere contro Covid-19.

"Si spera che questo studio aiuti ulteriormente il pubblico a comprendere, aiutandolo a vedere come funziona il vaccino Oxford-AstraZeneca", dicono i ricercatori. "Molte persone potrebbero non rendersi conto di come le loro cellule diventano piccole fabbriche che producono Spike virali che poi innescano la risposta immunitaria necessaria per combattere la malattia. Questo - concludono - può anche rassicurare sul fatto che il vaccino sta facendo il suo lavoro e sta generando il materiale che dobbiamo presentare al nostro sistema immunitario".