Le truppe di Kiev riconquistano Kherson. Zelensky: "Un giorno storico"

Artur Widak / NurPhoto via AFP

AGI - L'esercito ucraino è entrato a Kherson, capoluogo della strategica regione meridionale occupata dai russi nelle prime fase dell'offensiva. Le forze di Mosca si sono ritirate a Est, sulla riva sinistra del fiume Dnepr, in un'altra dura battuta d'arresto per la cosiddetta operazione speciale, a quasi nove mesi dal suo inizio.

"Kherson sta tornando al controllo ucraino, unità delle forze armate ucraine stanno entrando in città", ha annunciato su Facebook il ministero della Difesa di Kiev, chiedendo ai soldati russi rimasti nell'area di "arrendersi immediatamente".

"Oggi è una giornata storica. Stiamo tornando a Kherson. Per ora i nostri difensori si stanno avvicinando alla città ma le unità speciali sono già in citta'", ha dichiarato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un messaggio video pubblicato sul suo canale Telegram, "anche se la città non è stata ancora completamente ripulita dalla presenza del nemico, gli stessi abitanti di Kherson stanno già rimuovendo i simboli russi dalle strade e dagli edifici".

Il capo della diplomazia ucraina, Dmytro Kuleba, ha salutato "un'importante vittoria" e ha pubblicato sulle reti sociali un video che mostra, a sua detta, i residenti della località di Bilozerka, a pochi chilometri dal capoluogo, intenti a distruggere un gigantesco manifesto che proclama: "La Russia è qui per sempre".

“Russia is forever here”, said a poster in Bilozerka near Kherson. Well, not really!

To everyone in the world, including ASEAN where I currently am: Ukraine is gaining another important victory right now and proves that whatever Russia says or does, Ukraine will win. pic.twitter.com/8bc4JGNajX

— Dmytro Kuleba (@DmytroKuleba) November 11, 2022

Il parlamento ucraino, la Verkhovna Rada, da parte sua, ha diffuso su Telegram foto di civili che sventolavano bandiere ucraine a Kherson, conquistata a metà marzo dai russi, per i quali era un obiettivo di importanza primaria alla luce della prossimità con la Crimea.

Il ritiro sulla sponda orientale

Secondo l'esercito russo, sono più di 30 mila i militari di Mosca che hanno ripiegato sulla sponda orientale del Dnepr. È la terza ritirata in ordine di grandezza dall'inizio dell'invasione, dopo la rinuncia alla conquista di Kiev in primavera e l'abbandono quasi totale dei territori conquistati nell'Oblast di Kharkiv lo scorso settembre.

⚡️Ukrainian troops have entered Kherson.

According to videos published online, Ukrainian soldiers are in downtown Kherson. People chant “glory to the Armed Forces!”

Kherson, the only Ukrainian regional capital occupied by Russia since Feb. 24, is now officially liberated. pic.twitter.com/rhdfnDI8Pv

— The Kyiv Independent (@KyivIndependent) November 11, 2022

Venerdì scorso il ministero della Difesa russo aveva annunciato di aver completato il "riposizionamento" delle sue unità dalla sponda occidentale del fiume, dove si trova Kherson, a quella orientale, assicurando di non aver subito alcuna perdita e di non aver lasciato dietro equipaggiamento.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha dichiarato che i territori abbandonati rimangono parte della Federazione, per via dei "referendum" svoltisi a fine settembre e ha negato che la perdita della città sia un'umiliazione per la Russia. Non c'è stata però la dura reazione che ci si poteva attendere da Mosca dopo la mobilitazione di circa 300 mila riservisti per consolidare le linee in difficoltà e le minacciose allusioni al possibile ricorso ad armi nucleari.

Anzi, gli alti comandi di Mosca sono stati espliciti nello spiegare che la marcia indietro ha avuto lo scopo di salvare i soldati sulla sponda occidentale, che rischiavano di restare intrappolati in una sacca alla mercè degli avversari.

Le agenzie di stampa russe hanno mostrato filmati di convogli militari russi che lasciavano la città diretti verso il ponte Antonivsky, martellato per settimane dall'artiglieria ucraina, che ne ha reso impraticabile più di un tratto, sferrando un duro colpo alla già complicata logistica delle forze armate del Cremlino.

Secondo l'emittente ucraina Suspilne, il ponte sarebbe crollato in alcuni tratti e non sarebbe ora più utilizzabile. È possibile che i russi in ritirata abbiano fatto saltare l'infrastruttura per impedire agli ucraini di passare il fiume.

I russi insistono su Bakhmut

Gli sforzi di Mosca appaiono ora concentrarsi sul Donbass, dove Mosca ha preso l'iniziativa nel settore di Bakhmut dopo aver subito per lungo tempo quella di Kiev. La conquista di questa città, sede di un fondamentale snodo autostradale, non è pero' ancora riuscita dopo mesi di tentativi, sostenuti dal contributo degli uomini di Wagner, il gruppo paramilitare di proprietà del potente oligarca Yevgeny Prigozhin.

Non si fermano, nel frattempo, gli attacchi missilistici russi alle infrastrutture energetiche delle maggiori città ucraine. Nella notte un bombardamento ha colpito Mykolaiv, a cento chilometri da Kherson, distruggendo un condominio di cinque piani e uccidendo sette persone che si trovavano nell'edificio. Il governatore della regione di Mykolaiv, Vitaliy Kim, ha parlato di "una risposta cinica dello Stato terrorista ai nostri successi al fronte".