Lecce, violenza domestica: uomo denunciato al 113 dalla figlia 12enne

·2 minuto per la lettura
Arresto
Arresto

Una bambina di 12 anni ha contattato le forze dell’ordine in lacrime, per denunciare le violenze del padre perpetrate ai danni della madre. La vicenda si è verificata in provincia di Lecce e si è conclusa con l’arresto di un uomo di 42 anni, già noto alla polizia per i suoi precedenti con la giustizia.

Uomo minaccia compagna col fucile: la figlia chiama il 113

Un 42enne residente a Lecce è stato posto in stato di fermo e messo ai domiciliari con l’accusa di maltrattamenti familiari, ricettazione, minaccia aggravata e detenzione illecita di armi dagli agenti della questura di Lecce, allertati telefonicamente dalla figlia 12enne dell’uomo.

In relazione alle ricostruzioni effettuate dagli inquirenti, la bambina ha chiamato il 113 dopo aver assistito a un cruento scontro tra i suoi genitori.

La lite si è innescata nel momento il cui la compagna dell’uomo gli ha rivelato di essere intenzionata a denunciarlo, per porre fine ai continui abusi e maltrattamenti subiti sin dal 2014. A questo punto, il 42enne ha aggredito la donna, in presenza delle due figlie minorenni.

In un primo momento, l’uomo ha inveito e rivolto rabbiose offese contro la compagna, mimando anche di colpirla con un bastone, in modo tale da dissuaderla dallo sporgere denuncia. La donna è stata, poi, inseguita mentre cercava di raggiungere e salire a bordo della propria auto. In questo frangente, però, l’uomo è riuscito a strapparle di mano le chiavi e ha tentato di intimidirla con la minaccia di ricorrere al fucile, da lui posseduto e custodito all’interno dell’abitazione.

Assistendo a una simile scena, una delle figlie della coppia ha deciso di intervenire e, nonostante il terrore provato, ha composto il 113, raccontando quanto stava avvenendo e invocando l’aiuto delle forze dell’ordine.

Una volta giunti sul posto, gli agenti hanno arrestato il padre della piccola e hanno provveduto a perquisire la casa presso la quale vive la famiglia. In questo contesto, sono stati rinvenuti due fucili con matricola abrasa, cartucce di calibro differente e alcuni detonatori. Inoltre, nell’appartamento, è stata trovata anche una considerevole quantità di semidi marijuana e una lampada a incandescenza, frequentemente impiegata nelle serre.