L'effetto pandemia gonfia le casse di Apple e Facebook

·2 minuto per la lettura

AGI - Apple ha pubblicato la prima trimestrale dell'esercizio fiscale registrando numeri da record, con ricavi pari a 111,4 miliardi di dollari. E' la prima volta che Cupertino varca la soglia simbolica dei 100 miliardi di dollari in un singolo trimestre, con vendite aumentate del 21% rispetto all'anno precedente.

I risultati di Apple per il trimestre conclusosi a dicembre non sono stati guidati solo dalle vendite di iPhone 5G. Da quanto risulta in trimestrale, tutti i prodotti Apple hanno registrato crescite importanti, con incrementi percentuali a due cifre. Gli utili per azione e le vendite di Apple hanno ampiamente battuto le aspettative di Wall Street.

In particolare, le vendite dell'iPhone sono salite a 65,6 miliardi di dollari, rispetto ai 59,8 attesi, in crescita del 29%; i ricavi dai servizi sono aumentati a 15,76 miliardi, rispetto ai 14,8 attesi, in aumento del 24%; il fatturato dagli altri prodotti di casa Apple sono saliti a 12,97 miliardi rispetto ai 11,96 attesi, in crescita del 29%; i ricavi dalle vendite dei ma sono aumentati a 8,68 miliardi, in crescita del 21%.

Per quanto molti analisti ritengano che le vendite di tutti i device Apple siano aumentate anche grazie alle misure restrittive, che hanno spinto moltissimi al telelavoro e alla didattica a distanza, l'amministratore delegato Tim Cook ha detto che senza il Covid l'azienda avrebbe registrato numeri ancora più positivi, perché la pandemia ha comunque costretto la chiusura di molti Apple Store: "Togliere la possibilità di acquisto nei negozi di iPhone e altri device è comunque un freno alle vendite", ha detto Cook alla Cnbc.

Intanto, Facebook ha chiuso il 2020, l'anno della pandemia, con un utile netto di 11 miliardi di dollari nel quarto trimestre, in crescita del 53% rispetto al precedente. Anche i ricavi sono risultati in forte crescita essendo aumentati nel IV trimestre del 33% sul trimestre precedente, a 28,1 miliardi di dollari.