Lega, audio Metropol consegnato a difese

webinfo@adnkronos.com

L'audio registrato all'hotel Metropol di Mosca, file che restituisce secondo la procura di Milano il tentativo di corruzione internazionale al centro dell'indagine sui presunti fondi russi alla Lega, è stato consegnato dai pm ai difensori dei tre indagati- Gianluca Savoini, ex portavoce di Matteo Salvini e fondatore dell'associazione Lombardia-Russia, l'avvocato Gianluca Meranda e il consulente bancario Francesco Vannucci. Inizialmente al Riesame era stata depositata solo la trascrizione dell'incontro che avrebbe visto al tavolo i tre italiani e tre russi, tra cui almeno un funzionario pubblico. 

Se da un lato le difese avrebbero fatto richiesta per ottenere la registrazione, dall’altro lato gli stessi pm titolari dell’indagine si sono resi disponibili a consegnare il file. Si tratta di un elemento chiave - a dire dei pm Sergio Spadaro e Gaetano Ruta, che indagano insieme all’aggiunto Fabio De Pasquale - per ricostruire le fasi dell’incontro a Mosca del 18 ottobre scorso. Un incontro in cui si discuterebbe della vendita di una grande quantità di petrolio e di una parte dei soldi che avrebbe dovuto finanziare la campagna elettorale per le europee del Carroccio. 

La procura negli atti depositati di recente al Riesame - l’udienza per discutere del dissequestro di telefoni e pc è stata fissata per il prossimo 5 settembre - ha anche consegnato un documento con le modalità di acquisizione dell’audio (consegnato da un giornalista de L’Espresso) e una consulenza che dimostrerebbe che si tratta di una traccia audio originale e non modificata. Al momento le difese dei tre indagati, accusati di corruzione internazionale, non avrebbero consegnato nessuna memoria.