Lega in aula contro Conte. Lui: non abbiate paura delle parole

Luc

Roma, 10 set. (askanews) - Continue interruzioni, urla, schiamazzi, brusio, cori di "poltronari" e "dignità dignità". È un percorso a ostacoli tra le invettive che arrivano dai banchi della Lega la replica del premier Giuseppe Conte in aula al Senato. "Non abbiate paura delle parole", si difende il presidente del Consiglio applaudito dai senatori della nuova maggioranza M5s e Pd.

"Io - aggiunge - sono qui da stamattina in religioso silenzio, ho ascoltato tutti gli interventi ma sarebbe corretto consentirmi di esprimere le mie opinioni anche se non le condividete".