Lega e M5s litigano sul reddito di cittadinanza. "Il 70% non ne ha diritto" "Cretinate"

HuffPost

Anche se la crisi di governo non è stata ancora certificata, nella (vecchia) maggioranza volano gli stracci. Tra gli oggetti del contendere il reddito di cittadinanza, misura simbolo del Movimento 5 stelle.

A metterlo nel mirino è il leader della Lega, Matteo Salvini, che a Rtl 102.5 afferma: “In tante realtà, soprattutto del Sud” il reddito di cittadinanza “si sta trasformando in incentivo al lavoro nero. Lo cancello? No, ma sono situazioni che vanno monitorate. Preferisco crescita e sviluppo all’assistenza”.

Il vicepremier, in un’intervista al Corriere della sera, aggiunge: “Sarà doveroso verificare il reddito di cittadinanza. Ci arrivano centinaia di segnalazioni, molte delle quali a me personalmente, da parte di imprenditori che quest’anno non riescono ad assumere i lavoratori che avevano l’anno scorso”. 

A rincarare la dose ci pensa il viceministro leghista dell’Economia, Massimo Garavaglia: “Il 70% di chi lo chiede probabilmente non ne ha diritto - afferma -. Bisogna rivedere la misura dando di più a chi ne ha più bisogno e intervenire in favore delle imprese abbassando pesantemente il cuneo per chi assume”.

Interpellato poi dall’Adnkronos, Garavaglia fa una prima stima dei risparmi del reddito alla luce delle maxi-irregolarità rilevate dalla Guardia di Finanza e anticipate dallo stesso viceministro: 7 beneficiari su 10 non avrebbero diritto all’assegno. E dice che gli accertamenti sui furbetti del reddito di cittadinanza potrebbero liberare risorse fino a “5 miliardi di euro, che potrebbero andare a rafforzare l’assegno per chi davvero lo merita o ad altre misure di politica economica”.

“Si tratta dei dati rilevati del nucleo per la spesa pubblica della Guardia di Finanza, adesso la palla passa alle sedi territoriali per i controlli del caso”, riferisce Garavaglia.

“La guardia di finanza - spiega - aveva disposto un protocollo di controlli anti-abusi che prevede analisi delle banche dati incrociando tutta una...

Continua a leggere su HuffPost